L’agnellino

Samuele l’aveva trovato ferito accanto a una grossa pietra e l’aveva portato a casa.
<Questo piccolo ha bisogno di latte, sennò muore> disse il papà, <chiederò al padrone se posso tenerlo nel suo gregge, forse abbiamo fortuna e qualcuna delle pecore madri l’accetta>.
La mamma scosse la testa poco persuasa: <Ma poi il padrone se lo terrà lui> affermò steccando e fasciando la zampetta rotta all’animale, che si lamentava come un bambino piccolo.
Samuele seguiva il discorso senza intervenire, ma i suoi occhi neri come il carbone guizzavano attentissimi dal padre alla madre e viceversa.
<Il mio padrone è un uomo giusto> fece lui, <e ha stima di me. Salverò l’agnellino e te lo porterò> promise.
<Grazie, papà> disse infine Samuele con voce un pochino rauca. Sorprendentemente l’animaletto leccò la mano al bambino, poi dette un sospiro come di sollievo, reclinò la testa e subito si addormentò.
Crebbe allattato da Albachiara, la pecora più bella del gregge, che lo accettò subito senza problemi. Quando fu svezzato il padrone chiamò il pastore e gli disse di prendere l’agnello per il suo bambino. Quel giorno, nella misera casa, fu festa grande, la mamma impastò una focaccia tutta coperta di miele e ne mangiarono quanta ne vollero. Da allora l’agnellino dormì in casa con loro e divenne una pecora opulenta, che seguiva sempre il bambino.
Erano felici e non pativano mai la fame. Il padrone era generoso e, da qualche tempo, Samuele andava ad ascoltare le prediche di Gesù, con la pecora appresso.
Una sera non si ritirarono, lo trovarono in un dirupo sul quale si era sporto  per raccogliere la verdura selvatica che piaceva alla mamma. Era morto, con la pecora accanto che belava lamentosamente.
Una piccola comitiva di amici e donne che si battevano il petto portava a casa il cadaverino quando incontrarono Gesù coi discepoli.

<Donne, perché piangete? Uomini, cos’è accaduto al bambino?>.
<Maestro> la madre e il padre gli si buttarono ai piedi, <è caduto nel precipizio ed è morto, è morto>.
<Che dici? Gli è soltanto preso un colpo di sonno> fece Gesù, e toccò il piccolo con la mano, Samuele si dimenò, balzò in piedi e chiese a sua madre:
< Chi mi ha rubato la verdura che avevo raccolto per te?>.
Anche quella sera fu festa grande e bisognava vedere come saltava la pecora. Si improvvisò una cena  e tutt’intorno alla povera casa amici, conoscenti e anche quelli che mai avevano sentito parlare di loro prima di quel giorno venivano a portare pane, formaggi, ricottelle , frutta, miele e tanta verdura selvatica, così mangiarono insieme e bevvero un po’ di vino buono, che volle donare il padrone, compresi Gesù e i discepoli.
< Cosa darò al maestro , che ha restituito la vita al mio bambino?> chiese il padre alzando il terzo bicchiere colmo, o era il quarto?
<La nostra unica ricchezza è la pecora, così potrà mangiarla per la Pasqua>.
I discepoli incominciarono a ringraziare e corsero a prendere la pecora, che li seguì obbediente. Samuele, nel sentire il discorso, si stava affogando con un boccone di pane e ricotta che masticava in quel momento. Voleva dire <No, no>, ma non poté perché era troppo occupato a tossire.
Gesù accarezzò la pecora sulla testa e lei gli leccò la mano, gesto che riservava soltanto al suo padroncino. Docilissima, gli poggiò il muso sulle ginocchia . Gesù guardò Samuele occhi negli occhi:
<Noi non mangeremo la tua pecora, piccolo> disse con disappunto degli apostoli, <questa vi darà latte e lana a lungo e tanto affetto>.
Dopo Gesù si chinò all’orecchio di Samuele e gli disse sottovoce:
<Venerdì prossimo mi crocifiggeranno. Non dirlo a nessuno , ma vai dalla mia mamma e consolala. Io l’affido a te, ricordale che risorgerò il terzo giorno come oggi sei risorto tu>.

Domenica Luise

Annunci

21 thoughts on “L’agnellino

  1. Una storia bellissima, cara Mimma, una storia che realmente potrebbe essere accaduta: Gesù quando è stato sulla terra ha compiuto tanti miracoli, i bambini erano i suoi prediletti. L’ho letta con un velo di commozione e di gioia, grazie.
    Ti auguro una bella serata.
    un abbraccio affettuoso
    annamaria

    Mi piace

    • Già, annamaria: chissà quanti miracoli ignoti ha compiuto Gesù su questa terra dura e bella. Ogni tanto mi piace inserirlo nelle mie favole fantasticando. Chissà com’era ascoltarlo tra la folla o vedere alzarsi uno storpio e guarire un lebbroso. Il miracolo più grande è stato il suo amore imperterrito per ognuno di noi, senza figli prediletti e figli di serie B. Grazie per la tua costante presenza e trascorri una Pasqua felice.

      Mi piace

  2. Ho letto con piacere e commozione la storia dell’Agnellino…e l’ho riportata sul mio blog!
    Approfitto di questo commento per augurarti una serena Pasqua di Resurrezione! E ti stringo forte a me, in un abbraccio formato Paradiso! AUGURI!

    Mi piace

  3. Finalmente anche tua sorella resuscita e trova il tempo di gustare qualcosa del tuo blog. Evviva, un racconto pasqualino di quelli che allargano l’anima, mi è piaciuto tantissimo, che posso farci sono una ” pastorella” nell’anima e questi racconti ( come quello di Natale dei fratelli uno ricco e l’altro povero) mi riempiono di tenerezza e mi fanno meditare in modo serio e contemporaneamente gioioso. Grazie sorellina, sei grande. A presto. Qui con me c’è Pierina che ha letto ed è rimasta commossa, grazie anche da parte sua.

    Mi piace

  4. “Samuele, nel sentire il discorso, si stava affogando con un boccone di pane e ricotta che masticava in quel momento. Voleva dire. No, no, ma non poté perché era troppo occupato a tossire.”
    Una “fiaba” dolcissima che consola e fa riflettere. Quanto bisogno si ha di sentimenti veri!
    L’ho letta con piacere. Il passo che ho riportato evidenzia così bene i sentimenti del bambino, di ogni bambino, la sua ansia, che è quasi angoscia, e che non riesce ad esprimere.
    Buona Pasqua, Mimma, a te e ai tuoi.

    Piera

    Mi piace

  5. mi piacerebbe che tutti gli agnellini fossero risparmiati in questi giorni e per il resto dell’anno…
    così il tuo bel racconto avrebbe un seguito di vera festa.
    ciao
    buona Pasqua a te e a tutti i tuoi lettori.
    cri

    Mi piace

  6. Che bel racconto! A Pasqua cisono anche gli agnellini di pasta di mandorle, o di zucchero, io preferisco questi.
    Buona Pasqua a te e ai tuoi cari, Mimma!
    Ciao
    car

    Mi piace

    • Io mangio sempre meno carne, cara Giovanna, ma anche i pesci mi fanno pena. È triste questo mangiarsi vicendevolmente per campare. Tuttavia non credo che sarò mai vegetariana del tutto come la mia colf. Poi rifletto che anche Gesù risorto appare ai discepoli mentre cuoce il pesce sul fuoco e penso che così è fatta questa strana vita.

      Mi piace

  7. E’ dolcissimo: in poche righe hai saputo rendere il valore della vita, di qualsiasi vita, e lo spirito della Pasqua di resurrezione. Io non mangio carne e d’accordo con altri commentatori sostengo che agnelli e colombe sono migliori se impastati con ingredienti vegetali.
    Un abbraccio e un caro augurio di buona pasqua.

    Mi piace

    • Ieri la mia gattina mi ha chiamata con miagolio impetuoso, voleva coccole: mi sembrerebbe quasi di mangiarla e rosicchiarmela se scegliessi capretto o agnello per il giorno di pasqua. La gattina mi cerca spesso, ogni mattina c’è la salutatio, se la chiamo solitamente risponde anche col punto interrogativo, come a dire: Che vuoi?
      Auguri di una pasqua felice anche a te, cara, e che la primavera ti sia di gioia.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...