Miniraduno poeti a Messina, ah, ah, ah

Appuntamento a mezzogiorno al ristorante Dolce vita, in piazza Duomo a Messina, siamo arrivati disorganizzatissimi, con Lady e suo figlio, provenienti dalla Calabria, dispersi a due isolati di distanza, subito si è presentato un ragazzino che suonava la fisarmonica e chiedeva denaro e due venditori ambulanti, i telefonini e le macchine fotografiche in moto, Lady non arrivava, così ci siamo sistemati al tavolo: Salvatore Genovese, venuto dall'Australia, nel suo ruolo di festeggiato e tutti noi, decisamente vecchiotti, che sembravamo usciti da chissà quale ospizio ( sì, lo so, Gianna, parlo per me, ma tanto tu non vieni sul mio blog e ti ho già mandato le foto per email, a te i blog, compreso il tuo, interessano più o meno quanto facebook a me, quindi non leggi questo post ).
Ho fatto fotografie che definire penose è riduttivo, vi faccio vedere il meglio del meglio, il resto potete immaginarlo.
                                                                                                                 


MimmoTrimacassi e Giovanna

Qui si possono ammirare Trimacassi ( Mimmo Sergi ) e sua moglie, signora Giovanna, accomodati al tavolino  in speranzosa attesa del pranzo e di Lady.

Mimma e Gianni Grillo

Io e Grigio ( Gianni Grillo ) , personalmente posso soltanto sperare di essere venuta in forma più umana in qualche foto scattata dagli altri amici.

Sal e Mimmo
Il festeggiato, A. Sal: Gen ( Salvatore Genovese ), in un brindisi
accanto a Mimmo.

Sal e Gianna

Qui potete ammirare la consegna di una poesia adatta all'occasione, composta da Sal, alla nostra Gianna Curtò, che si è occupata di prenotare il ristorante ed ha provveduto alla buona riuscita della giornata.

La poesia di Sal merita di essere trascritta qui affinché tutti possiate leggerla.

Il traghetto

Per chi se ne va
da quest'isola ancestrale
a mo' di sciabola
un taglio netto
al cordone ombelicale.

pieno di sussurri al cuore
odori dolci e lacrime d'amore
a mo' di cavalla
che cerca il Sangreale
per chi ritorna.

Angela, Lady e Grigio
Ed ecco Lady, seduta tra Grigio e sua moglie, signora Angela.
Avevamo una macchina fotografica per ogni gruppo familiare, fra tutti
chissà cos'è uscito. L'impegno ce l'abbiamo messo. Mah.

Orazio, Gianna e Sal

Questo bel signore dall'atteggiamento riflessivo è Orazio Nastasi, sullo sfondo si vedono Sal e Gianna.

Gaetano

Gaetano, il marito di Gianna.

Il più fotogenicoIl più fotogenico: il piatto del riso.
È stata una giornata bellissima, abbiamo riso, schiamazzato e mangiato quanto
ci è parso opportuno, stupenda la poesia tirata fuori proprio  alla fine
da Orazio Nastasi, ha promesso che la pubblicherà sul club poeti.
La leggeva con tanto pudore, e posso capirlo.

Domenica Luise

Annunci

29 thoughts on “Miniraduno poeti a Messina, ah, ah, ah

  1. Sono in pausa pranzo, MMMMMIIIIMMMMMMMAAAAA, non ci posso credere, a parte  che sei bellissima e non dire di no altrimenti mi arrabbio, però sono un po’ gelosa, avrei voluto essere lì con voi e abbracciarti forte. Spero di poterlo fare quanto prima.
    Con l’accensione dei riscaldamenti, il mio lavoro è aumentato e torno tardi la sera, ma prima di sabato ti telefono, sono troppo curiosa.
    Per ora un abbraccio forte e stasera vado con calma a vedere il resto e leggere la poesia di Sal. Ritaiac

    Mi piace

  2. Ritaaaaaaa, ma che cara. Sapessi quante risate. Io sono " bellissima "??? Vedo che non solo l’amore è cieco, anche l’amicizia. Va bene, ti credo. Grazie della tua presenza.

    Mi piace

  3. Mammammia….la crem della crem….
    che meraviglia…..di poeti!!!!
    Felicità, si legge dal tuo volto,
    felicità aleggia nell’aria.
    Forse faccio un azzardo… un po’ c’ero anch’io
    con il pensiero, in ognuno di voi,
    Il merito è dell’amore che abbiamo per la poesia
    w la POESIA.
    Un abbraccio carissima
    un sorriso
    Chiara

    Mi piace

  4. Sono contenta che tu abbia trascorso una bella giornata tra amici.
    La poesia riesce ad essere il cemento dei rapporti intellettuali, sempre. Spesso anche quelli umani.
    Ma che belle signore!!!

    Mi piace

  5. Mimma sono quasi senza parole…e mi precipito a comunicartelo. Sono contentissima di vedere tanti poeti ( e i/le loro sposi/e )gioiosi di cui prima conoscevo solo i nomi.
    Bella la poesia di Sal e penso di aver letto poco fa quella di Orazio Nastasi, dedicata alla moglie, che mi ha commosso.
    Saluti a tutti di cuore!!!!

    Mimma, ma è proprio Grigio il signore accanto a te? Che coppia, ragazzi!
    Sai questo tuo post mi ha messo allegria, e mi ci voleva

    franca

    Mi piace

  6. Cara Mimma, non sono giovanissima e neanche giovane ma  mi é venuta mezza idea ed ho guardato nel tuo blog ,ero certa che avresti fatto la cronaca della   bella giornata passata insieme.
    La poesia accomuna e rasserena gli animi.
    Vedere gli occhi brillanti di commozione di Sal é stato molto bello.
    Personalmente  ho ricevuto un regalo bellissimo ,ho scoperto che il prof Orazio Nastasi é stato  collega affettuoso di mio fratello.
    Ho perso questo fratello da qualche anno, Messina non é una metropoli ma ho dovuto   organizzare un mini-raduno del club  per conoscere   questa  bella persona.

    Abbiamo condiviso un bel momento, speriamo ce ne siano altri

    Mi piace

  7. Che bello vedere i vostri sorrisi, fa davvero molto piacere. Il riso mi ha fatto venire l’acquolina invece, mamma che buono deve essere stato.

    La poesia di Sal è super, si sente  il suo tocco artistico e profondo, bravissimo!
    Un abbraccio virtuale a  questi bei poeti che ho la fortuna di conoscere attraverso questo schermo, tanti bacini

    Mi piace

  8. Non solo sei bellissima, ma elegante e soprattutto solare, hai gli occhi che ti brillano, spero di essere anch’io a Roma il 7 novembre, così conoscerò Sal, dev’essere una bella persona. Oggi, dall’ufficio ho provato a telefonarti, ma era sempre occupato, comunque in settimana ci riprovo ancora. Tvb, sempre ritaiac
    PS. Ci sono, ci sono sempre, invisibile ma ci sono. Bacetto

    Mi piace

  9. Bravissima Mimma, Hai fatto una cronaca spiritosa e puntuale del nostro miniincontro, ed anche le foto mi sembrano mostrare  con completezza l’allegria e la spensieratezza che ci hanno accompagnati. Ed ora che abbiamo rotto il ghiaccio, dobbiamo cercare di darci da fare per organizzare un ‘Raduno’ del Club per tutti, anche quelli del Nord, oltrechè i Siciliani dei vari punti della Sicilia, con l’aiuto naturalmente anche di Grigio e compagni. Io penserei verso la primavera, ma avremo tempo per discuterne.
    Un abbraccio. P.S. per Mimma : se non hai ancora fatto il commento a Orazio Nastasi(io l’ho già fatto) metterei due righe di segalazione del tuo blog e come ci si può accedere perchè i colleghi che lo vogliono ci si possano collegare per leggere di questo mini-evento. Ciao.

     

    Mi piace

  10. Che bello quest’incontro fra poeti. Sono contenta che hai passato una giornata fra amici a suon di chiacchiere divertenti, affrescate da pennelate poetiche. Molto bella e significativa la poesia che hai pubblicato, complimenti all’autore!

    Un saluto serale.

    annamaria

    Mi piace

  11. Quando io sono emozionata le fotografie mi vengono così così, è stato un incontro bellissimo, che mi ha lasciato un buon sapore dentro. Citerò questo post sulla mia pagina in facebook e proverò a farci il link. La signora anonima, della quale Orazio Nastasi conosceva il fratello, è Gianna Curtò, che malgrado abbia poco tempo  ( una gran famiglia e molti amici ) e non possa girare per i nostri blog, stavolta mi ha veramente onorata con la sua presenza. Certo che quei due siamo Grigio ed io, Francuzza, spero soltanto che lui abbia saputo fare di meglio con la propria macchina fotografica. Io stavolta, come fotoreporter, ho pasticciato un bel po’, ma in fondo anche questo vi fa tenerezza. Non è così?
    Oggi è stata una giornata campale, sono pure uscita dimenticando la chiave dentro e ho dovuto ricorrere alla mia vicina di casa, a cui ho affidato la doppia chiave, sono una donna con barlumi di intelligenza ogni tanto, per mia fortuna. 
    Se siete delicati come me con i bronchi ( dopo quell’embolia lo credo bene ), non aspettate che il vaccino antiinfluenzale arrivi ai medici di base, compratelo in farmacia e fatevelo finché vi sentite bene. Meglio essere prudenti senza stupidi allarmismi. Il mio medico ha voluto che lo comprassi subito e domattina lo farò. Qui a lui dovrebbe arrivare verso il quindici novembre. Vi raccomando, riguardatevi e vaccinatevi. Tutti.

    Mi piace

  12. PS: Non credo sia consentito, sul club poeti, dare gli indirizzi dei propri blog se non a pagamento, ma se cercate su google Domenica Luise, che è il mio vero nome, trovate tutti gli indirizzi: questo blog, quello dell’Usignola stonata, il giardino dei poeti e New arte insieme. Grazie a tutti, mi siete molto cari.

    Mi piace

  13. PS del PS: Avverto tutti che la poesia di Orazio, attualmente, sta girando in vetrina nel club poeti con 33 commenti, accorrete, leggetela: vi farà bene al cuore.

    Mi piace

  14. Ciao mimma, sono venuta a trovarti e ho trovato questa bella sorpresa! Mi fa molto piacere vedere il volto dei poeti dei quali conosco solo un immagine virtuale o un nick. Gianna Curtò si conferma essere una bella signora come te del resto tu, cara mimma, che sei venuta benissimo e trasmetti dallo sguardo la serenità dei bei momenti vissuti. Dev’essere stata una giornata, felice e piena di amicizia, almeno questo mi arriva da quello che scrivi e che vedo dalle foto (direi più che dignitose).
    Sono contenta per te e abbraccio tutti i poeti che erano presenti e che nel mio immaginario sono ormai cari (e quelli che non conoscevo adesso hanno anche un volto). Abbraccio anche te mimma e grazie per aver condiviso con tutti noi.
    Un saluto da
    angela

    Mi piace

  15. Io non ho visto le foto, ma di riffa e di raffa conosco quasi tutti gl amici poeti che hai nominato. Sono felice del vostro incontro, spero tu abbia avuto sologioie.

    Bella anche la poesia di Sal. Scusa se non mi dilungo, ormai i minuti sono diventati come diamanti per me. Ti abbraccio lo stesso forte, Mimma cara e dolce.
    A presto spero, impicci miei permettendo.Rossella

    Mi piace

  16. Ma insomma, mimma non ti si può lasciare un minuo da sola e guarda che mi combini???   Un raduno Siculo, tutto in privè ed in onore del mitico Sal. :-)). Scriverò a Sal che so essere stao a Roma. A te un bacio grande e la mia gioa per averti vista in foto elegante e felice. Ci sentiamo presto!
    nunù

    Mi piace

  17. Hai fatto un resoconto perfetto Mimma. Personalmente sono felice che tra di noi sia "scoppiata" la pace. Per i tanti amici che abbiamo in comune mi permetto di informarli che entrando su face book potranno vedere il servizio fotografico completo del nostro incontro.
    Un caro saluto a tutti.
    Gianni Grillo

    Mi piace

  18. Però, Gianni, ed è un mio limite, io non sopporto il tuo modo di aggredire le persone, ma non solo me e le mie amiche del giardino poeti, leggo tanti tuoi commenti sul club verso perfetti sconosciuti, pensi che a me mancherebbe il sarcasmo per fare altrettanto di fronte a certi contributi che sono o sembrano scherzi? E poi lì dentro ci sono gruppetti che non mi piacciono per il modo di mettersi insieme e demolire gli autori, anche io ho ricevuto talora commenti deliranti da questo e da quello. So distinguere le osservazioni valide da quelle pretestuose. Da qui la decisione di non pubblicare più nulla sul club poeti, dove intendo limitarmi soltanto a commentare questo o quell’autore secondo il mio gusto. E poi io non ho mai fatto guerra né con te né con altri, la pace, per me, c’era da sempre e permane.  È stata una bellissima giornata comunque, mi sono commossa. Sì, ho potuto ammirare le foto che hai scattato.

    Mi piace

  19. Miiiiiiiiii, avevo ragione Mimmina, un pò di codina del diavoletto ce l’hai! Bella risposta al Grigio nazional-popolare. Ora vado a vedere le altre foto. Bacetto, ritaiac

    Mi piace

  20. Ma complimenti!
    Quanta bella gente!
    che bel reportage.  Si sente tutta la gioa e la comunanza, non solo poetica.

    Complimenti anche per l’eleganza Mimma (giacca stupenda)

    e bellissima la poesia di Sal (che, se non bastasse, ha gli occhi che parlano. Tranquillo non sto attaccando bottone)

    un abbraccio a tutti e grazie di avere messo tutto in condivisione

    margherita

    Mi piace

  21. Fantasmina, buongiorno, benvenuta da me. Sì, è stata una bella giornata, eravamo gioiosi. Gianna ha provveduto a prenotare il ristorante e dopo ci ha riuniti a casa sua, è sempre affettuosa ed accogliente. Quella è la mia giacca prediletta e l’ho scelta per andare al raduno anche se non è nuova di zecca, mi ci sento bene dentro, il velluto mi piace perché è cangiante, mi somiglia un po’.

    Mi piace

  22. Ciao tesoro,
    ero sicura di aver commentato …. accidenti a me.
    Sono in partenza per Roma, al rientro ti telefono.
    Ho visto le foto e finalmente Mimma a un raduno. Ero felice e
    domani sera ci raccontiamo.
    Un abbraccio grande, un po’ addormentato, da Verona.

    o.

    Mi piace

  23. Ti guardavo nella foto (che bellissima giacca) e leggendo il reportage
    ho pensato alla nostra Mimmuccia, avrei voluto essere una mosca
    quel giorno 🙂
    Bravissima Mimma.

    un altro abbraccio

    o.

    Mi piace

  24. Grazie, care, dei bacini e delle affettuose parole. Al raduno mi hanno dovuta aiutare e dare il braccio perché faccio un po’ fatica a camminare.  Mi vergogno di mostrarmi così, ma la voglia di andare è stata eccessiva. Mi hanno presa Trimacassi e sua moglie Giovanna, i vicini di casa chissà cos’avranno pensato nel vedere due uomini ( Trimacassi e Sal ) saltare giù da una macchina, farmi l’incontro, abbracciarmi, prendermi in mezzo trionfalmente e praticamente imbarcarmi di peso sulla vettura. Al ritorno idem: Sal se n’era andato, ma al braccio di un bel signore ( Trimacassi )  sono stata deposta davanti al mio cancello. I vicini, come uomini, qui dentro vedono solo mio cognato e il nipote Giovanni, qualche volta il corriere col pacchetto di libri oppure l’elettricista quando va giù il salvavita e non ne vuole sapere di rimettersi a posto. E poi sembravamo parenti dalla nascita proprio con tutti, quella tavolata è stata magnifica.  Mentre stentavo a scendere gli scalini pensavo che non sarei andata mai più a nessun raduno. Ma non so cosa farò, meglio lasciarmi il pertugio di speranza.
    Per questa volta ci sono riuscita.
    Quella è la giacca che metto ogni volta che sono felice, avevo un  cardigan nuovo appena comprato alla boutique accanto casa mia, non l’ho nemmeno guardato, alla giacca prediletta voglio solo cambiare il bottone che si è ammaccato e sostituirlo con uno nero luccicante.

    Mi piace

  25. Cara Mimma,
    lessi  nel Club un commento ad uno mio scritto di qualcuno che aveva visto una mia foto nel tuo blog.
    Mi ripromisi di cercarlo. Poi il tempo passò, ma non dimenticai.
    Questa sera sono stato fortunato: ti ho trovata. E con te il tuo essere artista a tutto tondo. Complimenti per la pubblicazione odierna, che mi conferma la bontà della tua maniera di scrivere, indice e cifra della tua poesia.
    Ho veduto le foto scattate durante il nostro incontro. Volti sereni rivelano la piacevolezza della conoscenza e dello stare insieme, seppure per poco tempo. È vero! La serenità mi ha accompagnato per tutto il pomeriggio di quel giorno e anche dopo.
    Conoscervi è stato bello! Ho avuto la sensazione di una nostalgia appagata, di una specie di ritorno al futuro, di un presente gioioso e ricco di multiforme umanità: esplosiva in Salvatore One, estroversa in Gianna, senza calcoli di “riporto” in Gianni, di fanciullo solare in Mimmo, distaccata e sofferta in Lady, pensosa e riservata e tuttavia aperta all’Altro in te.
    E se vi ho partecipato quella mia composizione è stato, ora lo posso confessare, un segno di gratitudine per il pieno di umanità che ho fatto con voi. Altrimenti non l’avrei letta, così come non l’avrei pubblicata sul Club se tu, cara Mimma, non me ne avessi strappata promessa. Grazie.
    Spero che ci si possa incontrare ancora.
    Ti auguro giorni sereni avvenire.
    Orazio

    Mi piace

  26. Sì, caro Orazio, è stata una giornata bella insieme a tutti voi e malgrado le gambe mi facessero male. Sono tornata a casa serena e contenta. La tua poesia è il segno di un matrimonio d’amore vissuto per tanti anni e non è un piccolo dono. Mi dispiace soltanto non avere avuto anche il piacere di conoscere tua moglie, che era impegnata proprio quella mattina.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...