Lettera ai miei amici

Cari,

dopo ben tre mesi di sospensione di questo blog il miglioramento della mia salute è così piccolo da essere niente. A giugno mi ha costretta ad interrompermi una forte stanchezza fisica, dovuta, suppongo, ad una prolungata cura di anticoagulanti e ad una fastidiosa insonnia notturna: io sopporto malissimo le medicine, ne uso al minimo indispensabile e vedo che sul mio organismo hanno effetti accentuati, infatti prendo un blando calmante soltanto quando sono agli estremi, mi basta mezza pillola e anche meno, ma la confezione è quasi intatta. Preferisco tenermi i dolori nelle ossa invece di sentirmi stordita, figuratevi che non tollero più di mezzo bicchiere (piccolo) di vino a pasto e solo nelle grandi occasioni, mi astrae subito  e non mi percepisco presente.Volevo fare tante cose questa estate e invece ho concluso ben poco, mi ha anche bloccata il caldo, sopportabile solo in casa, col condizionatore, mentre gli altri andavano, venivano, passeggiavano come se niente fosse, mi chiedevo come facessero, a me sembrava di svenire da un momento all’altro. Qui fa ancora molto caldo.
Non mi sento di ricominciare coi blog, almeno per il momento, ho bisogno di cure e di riposo anche a livello mentale.  Sento dentro di me una pienezza poetica che ancora non è uscita, come quando una bottiglia panciuta ha il beccuccio troppo piccolo, tu la giri e tutto resta dentro. Così forse questa stasi farà bene alla creatività, il roseto potato germoglierà nuovo e sorprenderà…speriamo.  È stato bellissimo conoscervi e mi avete dato tanto, finché potrò vi risponderò sempre su questo blog, ma purtroppo non posso continuare con commenti e recensioni, almeno in questo periodo di un così intenso affaticamento.

Vi abbraccio uno per uno.
Domenica Luise

Buona estate a tutti

La sirena

Buone vacanze a me, a voi e a tutti gli amici.
Sì, lo so che è un po’ prestino per parcheggiare i miei vari blog, ma sto mettendo a posto i miei scritti e rileggendo il prodotto degli anni scorsi, voglio rielaborare tante cose, ricopiarne altre e soltanto io posso farlo anche perché ho racconti e poesie in brutta copia, per non dire bruttissima: pieni di spazi vuoti (per me logici), linee dritte  (per me chiare lettere) e svolazzi con frecce a dritta e a manca.  Insomma, io sola ci posso capire. Ho anche trovato ulteriori spunti per favole che, appena leggo una nota, subito mi si affollano alla mente vogliose di vedere la luce. È davvero il momento di fare ordine, allora smetto di pubblicare cose nuove, per ora, ma prima mi riposo cambiando completamente argomento, voglio dipingere idee che mi stuzzicano da un po’. Ecco. Penso che passerò tutta l’estate rispondendo sui blog soltanto se qualcuno mi commenta, poi riprenderò a commentarvi di nuovo. Però guardate con quale bella immagine vi auguro buonissima estate e felice vita: la fotografia di mia nipote Maria Chiara è stata scattata a mare nell’estate scorsa da mamma Iole, io sono intervenuta facendole una bella coda di sirena nel computer, avete ammirato le trasparenze? Bene. Lei è bella e le due sorelle si divertono molto sia a fotografarla che a trasformarla. Un abbraccio a tutti e vi avviso che controllerò quotidianamente i blog perché qualche cretino, ogni tanto, scrive una scemenza e in casa mia c’è posto solo per gli intelligenti. Hanno anche telefonato ricevendo un’accoglienza talmente gelida che non ci hanno provato più, gli uomini cercano avventure via web, poverini, quanto debbono essere frustrati. Comunque, come dice Dante, ” Non ragioniam di lor, ma guarda e passa”.
Naturalmente, in tutto questo tempo potrei anche cambiare idea e pubblicare qualcosa di urgente, l’estate scorsa lo facevo continuamente.
Ciao a tutti, godetevi il meritato riposo.

Domenica Luise

Modella: Mariachiara Crisafulli
Fotografia di Iole Luise
Elaborazione grafica di Domenica Luise

Avviso urgente

 

Libro FrancaVi comunico con gioia che la nostra Franca Canapini ha vinto il concorso
letterario
" Jacques Prévert 2009, sezione poesia “, ed ha ottenuto
la pubblicazione di una sua silloge, dal titolo Stagioni sovrapposte e confuse,
edito dalla Montedit nella collana Le schegge d'oro ( i libri dei premi ).
Sono belle poesie dove si passa dall’anelito personale a quello universale con pregnante semplicità espressiva.
Francuzza, ti ringrazio per avere dedicato il libro sia a me che a Cristina Bove, 
non mi sarei mai aspettata un tale pensiero così delicato.
Ho provato subito a fare la ruota spennacchiata pavonesca mimmiana.
Il prezzo è di euro 6,50. 
Partecipiamo tutti, donne parlanti e uomini silenti, con lietezza ed ogni augurio.
PS: “ silenti “ è un aggettivo qualificativo che non uso mai perché mi sa di pomposo e antiquato, ma in questo caso assume una valenza ironica che mi diverte e mi fa ridacchiare allegramente.
Pubblico qui sotto alcuni versi della nostra Franca, detta Francuzza:
 
La verità è miraggio
gioco di specchi
dove affondi
senza ritrovarti
                                                             (Verità).
 
Ad occhi chiusi resisto
all’affondo del fiato potente
                                                             (Follia).
 
Cadete ammucchiati
e solo le mamme
raccolgono le vostre grida
ma il dolore delle madri
non paga la morte dei figli
e il tempo la cancella
                                                                          (Bambini della guerra).
 
 
 
 

Fiori di cactus

 Fiori di cactus

 
Così bianchi e brevi, con guanciale di spine.
 
I vecchi
guardano la bella giornata da dietro i vetri
e pensano a quando, liberi, uscivano
a passeggio senza una scusa
solo per vivere. Già. E compravano
un vestito non necessario
 solo
per gioia, già. Oppure
non avevano voglia di uscire
e rimandavano
già. Adesso
ricevono le visite in fretta
a scampoli stracciati
e ringraziano.
 
           Domenica Luise
               (Fotografia di Domenica Luise)

Il libro di Bea

 

PS, notizia dell'ultimo momento: è in arrivo
il libro con le poesie di Beatrice Zanini,
eccolo qui fotografato da Cristina. 

Per vedere le ultime novità riguardo al libro di Bea fate clic QUI

 
 

Miniraduno poeti a Messina, ah, ah, ah

Appuntamento a mezzogiorno al ristorante Dolce vita, in piazza Duomo a Messina, siamo arrivati disorganizzatissimi, con Lady e suo figlio, provenienti dalla Calabria, dispersi a due isolati di distanza, subito si è presentato un ragazzino che suonava la fisarmonica e chiedeva denaro e due venditori ambulanti, i telefonini e le macchine fotografiche in moto, Lady non arrivava, così ci siamo sistemati al tavolo: Salvatore Genovese, venuto dall'Australia, nel suo ruolo di festeggiato e tutti noi, decisamente vecchiotti, che sembravamo usciti da chissà quale ospizio ( sì, lo so, Gianna, parlo per me, ma tanto tu non vieni sul mio blog e ti ho già mandato le foto per email, a te i blog, compreso il tuo, interessano più o meno quanto facebook a me, quindi non leggi questo post ).
Ho fatto fotografie che definire penose è riduttivo, vi faccio vedere il meglio del meglio, il resto potete immaginarlo.
                                                                                                                 


MimmoTrimacassi e Giovanna

Qui si possono ammirare Trimacassi ( Mimmo Sergi ) e sua moglie, signora Giovanna, accomodati al tavolino  in speranzosa attesa del pranzo e di Lady.

Mimma e Gianni Grillo

Io e Grigio ( Gianni Grillo ) , personalmente posso soltanto sperare di essere venuta in forma più umana in qualche foto scattata dagli altri amici.

Sal e Mimmo
Il festeggiato, A. Sal: Gen ( Salvatore Genovese ), in un brindisi
accanto a Mimmo.

Sal e Gianna

Qui potete ammirare la consegna di una poesia adatta all'occasione, composta da Sal, alla nostra Gianna Curtò, che si è occupata di prenotare il ristorante ed ha provveduto alla buona riuscita della giornata.

La poesia di Sal merita di essere trascritta qui affinché tutti possiate leggerla.

Il traghetto

Per chi se ne va
da quest'isola ancestrale
a mo' di sciabola
un taglio netto
al cordone ombelicale.

pieno di sussurri al cuore
odori dolci e lacrime d'amore
a mo' di cavalla
che cerca il Sangreale
per chi ritorna.

Angela, Lady e Grigio
Ed ecco Lady, seduta tra Grigio e sua moglie, signora Angela.
Avevamo una macchina fotografica per ogni gruppo familiare, fra tutti
chissà cos'è uscito. L'impegno ce l'abbiamo messo. Mah.

Orazio, Gianna e Sal

Questo bel signore dall'atteggiamento riflessivo è Orazio Nastasi, sullo sfondo si vedono Sal e Gianna.

Gaetano

Gaetano, il marito di Gianna.

Il più fotogenicoIl più fotogenico: il piatto del riso.
È stata una giornata bellissima, abbiamo riso, schiamazzato e mangiato quanto
ci è parso opportuno, stupenda la poesia tirata fuori proprio  alla fine
da Orazio Nastasi, ha promesso che la pubblicherà sul club poeti.
La leggeva con tanto pudore, e posso capirlo.

Domenica Luise

laurea ad honorem in letteratura poetica


Laurea di BeaComunicato urgente, anzi impellente:
La signora Beatrice Zanini
ha appena ricevuto la laurea ad honorem
in Letteratura poetica
con il voto di 110 magna cum laude
perché ha scritto poesie meravigliose
e per l'amore che ha verso la poesia e tutti i propri amici.

sweetQui si vede Beatrice in atteggiamento pensoso

un bacettoE qui ci manda un bacino.
Beatrice, ricevi l'abbraccio di tutti noi.
Questo post è firmato da ognuno dei tuoi amici.

(Fotografie concesse da Beatrice Zanini.
La velatura blu è opera sua)

 

Terremoto in Abruzzo


Il mio cuore è ferito dal dolore e dal disagio altrui
come se fossero miei.
Vi sono vicina. Vi voglio bene. Prego per voi come posso.
Non ho notizie di due miei amici, Anna e Giuseppe Testaverde,
che non usano nemmeno il computer,
qualcuno sa come stanno?

Vi abbraccio tutti teneramente.

                                         Domenica Luise o Mimma