La grande illusione

Talora un barlume attraverso le serrande
di notte mi ha fatto credere
che un altro essere al mondo mi corrispondesse, ma
ogni volta l’altalena è scesa giù.

Ho capito e non ne faccio una tragedia
passerà.

Il cuore batte meccanicamente, sono
un orologio a tempo determinato, presto
non avrò più fame né freddo o caldo
e nemmeno parole, pennellate canto.

La signora magra
arriva dalla stanza interna.

La mia poesia è stata una rosa avvolta
nelle spine, che nessuno raggiunse: Sorrido
alla frase idiota: io ormai ti conosco
che qualcuno osa dirmi. E non temono
di deludermi stridendo. C’è stata una luna
così bella, stanotte, attraverso le serrande
ed io l’ho fotografata sull’albero di arance
della vicina, tra le cancellate.

                                                                           Domenica Luise

                                                     (Fotografia di Domenica Luise)

Annunci