Vita umana

Farfalle cubetti


Un affanno oscuro che ondeggia
sognando il volo.

Animali complicati dalla coscienza
sulla scacchiera implacabile
di ignota origine. Stranezze
supposizioni illusioni, soprattutto ignoranza.

I mendicanti della poesia, razza a parte
o quasi. Incapsulati
nei colori della mongolfiera
a concimare parole.

 Domenica Luise

Rielaborazione grafica di Domenica Luise

 

Annunci

31 thoughts on “Vita umana

  1. carissima Domenica, dovrai scusarmi, ma non riesco a star dietro a tutti i blog che, come il tuo, sono degni di essere letti, al pari di tutte le altre letture e scritture che ansiosamente mi attendono. Forse si dovrebbe, da parte di tutti i siti e blog, allentare il ritmo delle uscite perch i testi affidati alla rete devono prevedere, per essere vagliati con seriet, stampa e lettura, eventuale scambio e poi tempo per l’elaborazione del tutto. Questo per evitare il mordi e fuggi e l’evanescenza forzosa dei materiali, sempre pi frequente on line. Spesso leggo bellissimi brani e dense riflessioni lasciate con zero commenti e forse anche quasi zero passaggi e penso che la causa sia solo nel poco tempo disponibile da distribuire. Siamo solo umani! un abbraccio, annamaria

    Mi piace

    • Ma non ti ho chiesto alcun commento, cara annamaria, né a te né a chiunque altro, io stessa riesco a stare dietro soltanto a un numero limitato di blog, e poiché i commenti che ricevo sono pochi in confronto alle visite, posso facilmente, quasi sempre, rispondere sia sul mio blog che ricambiare il commento. Non si scrive per i commenti, ma per la gioia di esprimersi. E del resto reputo che i poeti, o quelli che così si chiamano, solitamente non siano molto capaci di critica e il perché è semplice: sono troppo assorbiti dalla propria poesia per distinguere quella degli altri. Il mestiere del critico è ben diverso, quindi se non voglio fare la figuraccia quando pubblico un’opinione sul blog di un altro o di un’altra, debbo stare attenta, rileggere quello che ho scritto, vedere se ho seguito l’argomento dato dall’autore e se l’ho capito bene, non posso leggere con disattenzione: il tempo ci vuole. Per quanto mi riguarda pubblico soltanto due post settimanali e, te lo assicuro, alcuni commenti sono illuminanti, allargano le prospettive, altri invece ti fanno venire la tentazione di desistere.

      Mi piace

  2. bella, complessa, profonda. La brevità è frutto del lavoro di sfrondamento, della ricerca dell’essenza, credo (mi ha ricordato il minimalismo giapponese che come sai amo molto). Quindi stimola riflessioni: poche parole per dire della vita umana. Perciò ognuno dica il suo. Facendo parlare la coscienza – per quanta ne ha – io poca e poca consapevolezza così che a volte mi sento sconfortata, altre cerco di migliorare… poche parole da concimare… ma sempre meglio di niente 🙂
    Baci

    Mi piace

    • E noi le concimiamo nel solito modo: lacrime, sangue e qualche barzelletta. Lo chiamano minimalismo per la brevità, ma secondo me è un errore di definizione non essendo minimo il contenuto, invece merita il nome di minimalismo se anche il contenuto è irrilevante.
      Chi crede di avere poca coscienza e consapevolezza sta incominciando a capire qualcosa, poi ci sono quelli che sanno tutto.

      Mi piace

  3. Ma questo sprezzo per la vita umana è una cosa eccezionale
    Forse sono i nostri errori a determinare tante cose.
    Senza quelli che senso avrebbe la nostra evoluzione.
    Anche se tante volte paghiamo gli errori degli altri.
    Ma…probabilmente se non cambiassimo mai strada o modo di vedere le cose non potremmo innamorarci, avere figli, essere ciò che siamo,del resto le stagioni cambiano, e così pure le città. La gente entra nella nostra vita e poi ne esce, ma è confortante sapere che coloro che ami rimangono per sempre impressi nel nostro cuore.
    Non scriviamo e leggiamo poesie perché è carino. Noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana, e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento. Ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore.. sono queste le cose che ti tengono in vita.
    1 Abbraccio Dominique 😉
    ♥ vany

    Mi piace

  4. Anch’io mi riallaccio alla chiusa “a concimare parole”… per dirla con De Andrè, che a suo modo è stato di certo un poeta: “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior” (tra l’altro qui ispirato direttamente da Baudelaire). Un bel modo per chiudere questo canto sussurrato, la certezza, malgrado il dolore e le miserie umane, di poter sempre trasformare la vita grazie alla bellezza, all’arte, alla magia della parola poetica…
    un abbraccio

    Mi piace

    • Certo, maria: sperare vuol dire creare, aspettarsi il figlio dai dolori del parto, il fidanzato dopo una delusione, un altro lavoro dalla disoccupazione. C’è sempre e per tutti una possibilità e una sorpresa. Mai desistere.

      Mi piace

  5. Hai proprio ragione, siamo animali, ma animali di quelli terra terra, di quelli che strisciano e faticano a zampettare, impantanati spesso nel fango, imprigionati nella miseria dei piccoli problemi e delle difficoltà quotidiane.
    Eppure sogniamo il volo, questo sogno vive dentro di noi anche se solo la poesia sa esprimerlo a parole.
    Splendido leggerti, cara Mimma.

    Mi piace

    • E siamo anche resi coscienti dalla nostra ragione… come dissero Foscolo, Leopardi e e i più grandi poeti. Croce e delizia, ineguagliabile privilegio: pensare, amare, soffrire, vincere, ricominciare. Sono contentissima che tu mi abbia linkata, ti conviene annotare come hai fatto perché, col computer, sembra facile, ma poi si possono dimenticare i passaggi e riprendere a faticare perdendo tempo inutilmente.

      Mi piace

  6. Ciao carissima Mimma
    è bello leggerti
    ogni volta è stupore
    riesci a mettre coscienza nelle parole
    di questa lirica che è la vita umana.
    Siamo animali e ci distingue solo la parola che di per se non è nulla
    se non abbinata alla consapevolezza di avere intelligenza e farne buon uso.
    Siamo seme e per rinascere dobbiamo seccare e morire, conditi da un fertile
    concime che la nostra fede ci dona.
    Un abbraccio un sorriso
    Chiara

    Mi piace

    • Qui, invece, neve niente (siamo al mare, provincia di Messina, il fenomeno è infrequente e sempre labile), però c’è una forte umidità e così ho rintanato nuovamente la mia artrosi al caldo. Oggi sono riuscita a votare quando ancora il tempo reggeva in qualche modo.
      Non è facile vedersi seme storto dopo essere stati fiori, ma è la legge della vita, che sempre alterna le stagioni.
      Ricambio l’abbraccio e il sorriso.

      Mi piace

  7. Mimma, ho visto che ancora il tuo nome (Usignola Mimma) non compare tra i miei link, ma ti assicuro che ho fatto tutto correttamente. Entrando nella schermata dei link, ho visto che ci sono blog linkati due o anche tre volte, e ho provveduto a cancellare i duplicati, ma sono ancora “appesi” lì… E’ che iobloggo è piuttosto lento a prendere atto delle modifiche.
    Un bacione 😀

    Mi piace

  8. “Animali complicati dalla coscienza
    sulla scacchiera implacabile
    di ignota origine. ”
    La nostra vita è proprio così, hai ragione, Mimma. Eppure la coscienza, oltre che complicarci l’esistenza, potrebbe anche esserci di aiuto nel districare le difficoltà…se dotata di saggezza.
    Buona domenica.

    Piera

    Mi piace

    • Cara annamaria, oggi finalmente la scrittura, e specialmente la poesia, si è denudata dal ciarpame decorativo e punta all’essenziale. Naturalmente questo livello raggiunto corre il rischio, com’è per ogni cosa umana, di cadere nell’opposto, cioè la brevità per cavarsela con poco pensiero e poche parole. Nella vita ci vuole amore oppure la condanna è il vuoto umano e poetico. Chi ama non ha fretta, non arrangia, ma crea e moltiplica il proprio seme.

      Mi piace

  9. E’ vero, cara Mimma, ogni poesia è una speranza, una nascita, un sogno, un lampo veloce di luce che sfugge e diviene colore, si addensa nel cuore, da esso riemerge e magicamente è parola.
    Un abbraccio, sorella
    Flavia

    Mi piace

    • E per aggiunta, SE È POESIA, è una speranza anche quando si lamenta perché, sotto al dolore, c’è un immenso desiderio di vita. E per me l’arte (tutta: pittura, musica, scultura, poesia) è VITALITA’, che si esprime in un modo o nell’altro, il più congeniale possibile all’autore e sempre al di sopra di usi e costumi perché la vera arte è nuda, va nel fondo dell’anima e porta fuori la propria umanità in parole colori note pietre o quello che è.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...