Iris e il broccoletto

Foto n° 1) Appena la padroncina piccola mi dà un bacio subito mi scappano le fusa, lei si chiama Giada e la foto è opera di sua mamma Enza.

 Foto n° 2) Questo l’ho rubato in cucina, hanno detto che si chiama broccoletto. Ha lo stesso colore della mia erba gatta, deve essere squisito.

 Foto n° 3) Meglio guardarlo da vicino prima di assaggiarlo, non sono sicura che sia un cibo gattesco. Loro non mangiano mai i miei croccantini e le polpette in scatola, chissà perché, non gli piacciono nemmeno i topi.

 Foto n° 4) Non resisto, è buonissimo, credo di avere tendenze vegetariane proprio come la padrona grande.

 Foto n° 5) Dopo un buon pasto mi viene sempre sonno, scusate se sbadiglio senza mettere la zampa davanti alla bocca, ma approfittate pure se volete dare uno sguardo alle mie tonsilli.

 Foto n° 6) Prima di addormentarmi ho sentito che ridevano perché sono rimasta a pancia all’aria. Quel broccoletto mi è venuto pesante.

 Domenica Luise

Fotografie di Enza e Giada Donato

Annunci

21 thoughts on “Iris e il broccoletto

  1. non ci posso credere! Troppo forte! Mai visto un gatto vegetariano! Ma veramente si è mangiata il broccoletto? E come fa a dormire così con la zampa tutta dietro. E’ una gatta particolare, simpaticissima. E io di gatte me ne intendo, ne ho avute tante intorno da sempre. Un caro saluto.

    Mi piace

  2. Che Tenerezza.
    Umani e profondi pensieri avvolgono la gattina di cui è pregna nel desiderare, con toccante semplicità, allungando il desiderio ed il sogno di provare il broccoletto, e nella luce dei suoi occhi dischiusi, e lì in quel suo sonno supino quasi un abbraccio lieto al cuscino.
    Bounjour sucre Dominique
    ♥ vany

    Mi piace

    • E dagli atteggiamenti giocosi, curiosi e rilassati si distingue benissimo quanto questa micia sia felice con i suoi padroncini: gli animali non dormono mai a pancia all’aria perché pancia e gola sono i loro punti vulnerabili, specialmente i gatti dormono sempre accucciati e arrotolati su se stessi.

      Mi piace

  3. ahahah!! buona questa! la micia dev’essere trattata benissimo dai suoi proprietari, altrimenti non si fiderebbe a dormire a pancia all’aria. Si sente sicura. Io ho avuto un gatto che mangiava le erbette cotte e anche l’albume dell’uovo sodo. Uh, vedo adesso il tuo commento in cui anche tu ribadisci che la gatta è bentrattata… non c’è che dire: ultimamente, in effetti, siamo particolarmente in sintonia…
    Belle foto e commenti divertenti
    Baci

    Mi piace

  4. Troppo simpatica la sequenza di foto, sembra quasi che la gatta si sia messa in posa per farvi realizzare questo esilarante servizio! non avevo mai visto un gatto mangiare broccoletti però ho avuto un cane che andava pazzo per mandarini e arance…
    un abbraccio

    Mi piace

  5. Il mio gatto andava matto per gli asparagi, per esempio. I broccoletti non so perché non glieli ho mai dati. Mi manca molto un gatto…ne ho sempre avuti, fin da piccolissima. Quando è morto il nostro Pallino abbiamo preso un cane. E’ tutta un’altra cosa ed impegna molto di più. Lui comunque dorme molto spesso a pancia all’aria! E’ comicissimo.

    Mi piace

  6. Nella casa dei miei zii avevano appeso uno di quei quadretti che si trovano alle fiere, c’era scritto più o meno: La mia casa è aperta ai parenti, agli amici e agli ospiti.
    Dopo alcuni anni venne sostituito con un altro quadretto dov’era proclamato a chiare lettere: Più conosco gli uomini e più mi affeziono alle bestie.
    Purtroppo. Ma io mi considero una donna di speranza, malgrado tutto, e così credo in qualche eccezione durante il corso dei secoli. Parlo di uomini o donne che siano degni del nome di persone.
    Durante la mia vita ne ho incontrato alcuni esemplari in via di estinzione.
    Oggi ho cucinato i broccoletti, li ripasserò in olio con pinoli e uva passa: buoni. Se volete farli sbollentateli prima con un po’ di sale senza dimenticarli sul fuoco, debbono restare belli tesi, lasciateli scolare a lungo in uno scolapiatti e soffriggeteli più asciutti possibile, non occorre a lungo: una cosa dolce. Ci sta bene un po’ di aglio in polvere o tagliato fine, se vi piace.
    E un tocco di peperoncino ardente, senza esagerare. In cucina mai far sovrastare i sapori gli uni sugli altri.
    Si lavora per equilibri, come nella poesia e nell’amore.

    Mi piace

  7. Un post tenero e spiritoso, bellissime fotografie, davvero un piacere vederle. Molto gradevoli le didascalie, emerge forte il tuo amore per i gatti, ma credo per tutti gli animali.
    Ciao, Mimma, buon inizio di settimana!.

    Piera

    Mi piace

    • Sì, Piera, per tutti gli animali. Io abito sul giardino e una volta, nella scala dell’ingresso, ho incontrato un piccolo topo che se la dava a gambe, allora gli ho detto dolcemente di non avere paura di me perché non gli avrei fatto male, lui si è fermato, mi ha guardata coi baffetti frementi e poi ha continuato la corsa: la prudenza non è mai troppa.
      Per i gatti ho una predilezione: ne amo lo spirito libero.

      Mi piace

  8. Cara, non riprovarli: hanno un sapore che o ami oppure detesti, a me, per esempio, non piace il finocchietto selvatico né la menta per cui tutti vanno matti, nel mio giardino cresce da sola, ma non la uso. Invece sono fissata col basilico.

    Mi piace

  9. ahahahahah, che delizioso fotogramma!
    e poi è vero che i nostri quadrupedi di casa ci sorprendono in vari modi; il mio cagnetto ad es va matto per le verdure e quando pulisco i broccoli o il cavolfiore sta nei dintorni in attesa di ricevere un pò di parte bianca (poco, però, perchè per lui è dura da digerire)..

    Liked by 1 persona

  10. Cara ili, vedo che anche il tuo cane è vegetariano. Un bocconcino d’accordo, ma fai bene a non eccedere. Non dargli mai la cioccolatta, che per i cani è tossica, la pasta deve essere cotta a lungo, meglio il riso, un uovo alla settimana gli manterrà il pelo lucido. E goditi la sua fedeltà: hanno una vita talmente breve.

    Mi piace

  11. È un amore ed hai fatto tu il diario? Sei terribile. Poi vedi se nella mia pagina riesci a vedere i miei post che Mariachiara mi ha tolto un blocco che impediva di vedere se non a me sola! Non so come si sia messo, non vedeva neppure lei la mia pagina!

    Mi piace

    • Certo che ho scritto io il post, cara Iole, difatti è firmato da me, invece le foto sono di Enza e di sua figlia Giada, tutta roba casalinga come il pane che profuma dal forno a legna. Per quanto riguarda Facebook, certe volte, senza saperlo, si mandano i comandi dalla tastiera, a me è capitato con skype, dove mi sono trovata invisibile misteriosamente. Rimaniamo sempre dilettanti del computer, ma direi che il bello è anche questo.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...