Il figlio unico

Leopoldo crebbe prepotente e nevrastenico. In casa comandò lui dapprima coi vagiti, dopo coi capricci e alla fine con le scenate a mamma e papà, che lavoravano mattina, sera e notte per accontentarlo in tutto e dargli ciò che a loro era sempre mancato: cibo, gite, concerti di questo o quel cantante contorsionista che al momento gli piaceva, feste per ogni scusa: compleanno, onomastico, ricorrenze vere o presunte, abiti, accessori, telefonini che sempre dimenticava qui o lì e computer, tablet, provini quando gli venne in mente di fare il cantante lui pure col filino di voce sexy di cui era dotato, così rauco che era un dispiacere starlo a sentire. Unico figlio, si sa.
Con le raccomandazioni riuscì a prendersi il diploma del Professionale per l’industria e l’artigianato anche perché i professori non ne potevano più di vederselo intorno, con quell’aria ebete che assumeva a scuola e perdeva subito a casa. Dopo di che suo padre prese un caffè forte, si rimboccò le maniche e gli fece il discorso serio: voleva andare a lavorare oppure laurearsi?
Leopoldo nicchiò e disse che voleva continuare coi provini, ma era anche stonato e non di poco, le raccomandazioni non bastarono e dopo alcuni anni di vane speranze dovette desistere, allora  passò al tentativo di fare l’attore.
Mah. Nelle scene tragiche gli scappava da ridere e in quelle comiche pure, nelle scene di mezzo gli veniva da sbadigliare e nemmeno qui le raccomandazioni conclusero nulla. Incominciò ad accusare esplicitamente i genitori che non gli volevano bene e non facevano niente per lui, così madre e padre, dopo essersi venduti i quadri antichi e gli ori di famiglia, le terre e la casa, gli misero su il progetto di un suo film, qui Leopoldo era regista, produttore e primo attore, bisognava vedere come faceva filare il cast, adesso i provini li faceva lui agli altri e si divertiva moltissimo: <Le faremo sapere…> prometteva ammiccando alle ragazze e gelido coi maschi.
Dopo di che piazzava i piedi sulla scrivania, davanti al maxi schermo del computer a massima nitidezza, lo accendeva e si metteva a giocare, ma anche quello lo stufava subito. E del resto non si ricordava niente dell’inglese, che a scuola non aveva mai studiato minimamente e poiché tutti i computer parlano inglese,  lui non capiva e cambiava girando qui o lì e beccandosi virus di ogni genere.
L’attrice che aveva scelto per il ruolo della protagonista, appena diciottenne, sembrava quasi una bambina, ma scema non era, lui incominciò a sbaciucchiarla e tastarla sotto la macchina da presa, diceva continuamente che non era sufficientemente sensuale e si ricominciava, dopo una giornata di questi giochini, quando ormai Leopoldo si apprestava a proporle l’onore di una nottata insieme nel proprio appartamento di lusso al grand hotel, la ragazza se ne andò rinunciando alla parte e molte altre la seguirono senza che il film si facesse mai, alla fine dovette pagare ugualmente tutti quelli che avevano lavorato e gli avevano messo un avvocato cattivissimo, così sprecò i soldi di mamma e papà, gli portarono via computer, automobile, telefonino e orologio d’oro massiccio e se ne tornò a casa a farsi consolare per tutte le offese ricevute.  Qui trovò due vecchi decrepiti che non ragionavano più e passavano il proprio tempo a letto con la televisione, una vicina pietosa gli preparava il piatto di pasta e così Leopoldo dovette assisterli, amministrare la pensione  del padre e non gli vollero dare nemmeno l’indennità di accompagnamento perché si sa, i tempi sono duri. Lasciò le feste, la droga, l’alcool e le donne, imparò il risparmio e finalmente nel suo cervello apparve una piccola luce: anche per lui arrivava la coscienza.

Domenica Luise

 

Annunci

15 thoughts on “Il figlio unico

  1. Meglio tardi che mai!Ma non tutti i figli unici sono così, per fortuna! A me era successo il contrario: mi sono detta da sola dei “NO” proprio perchè non avrei mai voluto dare un dispiacere ai miei genitori!

    Mi piace

  2. I meccanismi del cervello sono spesso oscuri all’istinto e al pensiero.Ma recano disagio e colpa, anch’essi oscuri perchè incoscienti ma già “contaminati”da un vago sentore di coscienza.
    Per arrivare alla coscienza e darle consistenza di valore,il percorso è cosparso più da grosse spine che di petali in odor di santità. Al protagonista del tuo racconto gli serviva questo e nulla più.Non a tutti è dato il cammino dritto e semplice.
    C’è un passo nel Libro del Tao che pressapoco dice così “L’uomo buono,lo tratto con bontà; in questo modo ottengo bontà. L’uomo di buona fede,lo tratto con buona fede,e colui che manca di buona fede,anche lui lo tratto con buona fede”. Mirka

    Mi piace

    • Mirka, è vero che i meccanismi del cervello umano sono, in buona parte, incomprensibili, tuttavia qualcosa si può fare. Viziare i figli significa prepararli ad una via tortuosa di presa di coscienza e comprensione, adattarli, invece, man mano che crescono alle proprie giuste responsabilità significa educarli, ossia portarli su come una pianta, dal latino e (fuori) duco (conduco), dalla terra coltivo, preso in senso traslato.
      La sofferenza è un modo drastico di essere educati, proprio come un albero che, senza potature, non fruttifica bene.

      Mi piace

      • Condivido, Mimma, l’intelligenza è anche capacità di adattarsi, ma se s’impedisce d’esercitarla, come succede a Leopoldo, si disperde e si confonde. Del resto sull’adattamento si basa anche la stessa evoluzione. I genitori tendono spesso, salvo rare eccezioni, a proteggere i figli, ad evitare che subiscano dolori e frustrazioni, ci si rende conto dopo di averli danneggiati per troppo e malinteso amore. Bello il racconto, di piacevolissima lettura. E quel Leopoldo … :
        qualche ricordo scolastico? Ti abbraccio, cara amica, è stato un periodo faticoso ed impegnativo, ma ora sono qui. Flavia

        Mi piace

        • No, Flavia, non sono stati ricordi scolastici, ma il semplice guardarmi intorno. I genitori sono spesso accecati per i figli, poi quando quelli gli si rivoltano contro (non mi volete bene, non fate niente per me) ci restano malissimo. E tu dici bene: viziare i figli significa impedire loro di usare l’intelligenza. Sono contenta di risentirti, Flavia, e spero che i momenti difficili siano superati.

          Mi piace

  3. Quando non sono i genitori, capaci di impartire le giuste lezioni ai figli, allora è la vita a farlo: spesso in termini molto duri. Eppure non tutti comprendono: ma alla fine il protagonista del tuo racconto, via, un po’ di luce ha iniziato a intravvederla…
    Baci e buon fine settimana!

    Mi piace

    • Sì, è la vita fatta così. La sua durezza è costruttiva, capire lentamente come stanno in realtà le cose fa crescere anche le piante più delicate. Viziare i figli è un delitto perché li preparano ad una debolezza mentale e a gravi smarrimenti e squilibri.
      Il ragazzo del racconto, alla fine, mi ha fatto pena, ma tu dimmi, dopo tanti sollazzi adesso, quando rimarrà da solo, che lavoro saprà fare? Chi lo vorrà?

      Mi piace

  4. Tasto dolente questo, ma quanto reale!
    Per fortuna i miei figli sono l’esatto contrario di Leopoldo, e sono ben quattro.
    Sono loro che aiutano noi, adesso. E sono amorevoli e attenti alle nostre necessità.
    Non ci hanno mai dato grossi dispiaceri.
    Ma li abbiamo allevati nel rispetto del lavoro e del tempo, delle persone e delle cose,
    Dici bene, genitori che viziano i figli non li amano nella maniera giusta, fanno loro del male.

    Mi piace

    • Tu e tuo marito siete stati evidentemente capaci di crescerli bene e coscienti, l’accontentarli in tutto è un grave errore di malinteso amore. In quanto al mio lavoro di insegnante, era come avere molti figli di fronte, tutti pronti a giudicarmi e vedere fin dove potevano spingersi. Così ho seguito quel detto: patti chiari, amicizia lunga. Poi avevo inventato da me un altro proverbio: o voi o io, meglio io.
      Lo spiego perché è un po’ ermetico: non avrei sopportato l’inferno che le stesse mie classi facevano con gli altri insegnanti, quindi spiegavo, interrogavo, mettevo il voto che si meritavano e li spingevo a stare attenti per meritare i bei voti. Altrimenti quello che scrivevo gli toccava e amen, con possibilità di recupero mangiandosi i gomiti a uno a uno (due ne avevano, come me) perché o comandavano loro oppure io, meglio io. Ecco.
      Dopo avere affrontato le classi di allievi moderni, mi sento di entrare nel colosseo, contro i leoni, armata di un frustino leggero.

      Mi piace

  5. Beh, un finale di redenzione, poverino infine non è neppure colpa sua. Comunque il mestiere di genitore è veramente difficile, quando ci sono in ballo i sentimenti devi sempre mediare tra quello che è giusto e quello che l’amore ti farebbe fare.

    Mi piace

    • E quant’è difficile essere genitori. Nella vita si procede sbagliando, correggendosi e sbagliando ancora. Comunque qualcosa si può e si deve tentare per fare il minor danno possibile: ci sono le librerie e internet dove informarsi almeno per conoscere un po’ di pedagogia ed evitare l’improvvisazione assoluta.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...