Dolceamarissima

Avrei difeso i miei alunni con  le mani nude
e dato la vita per loro. Ventiquattro
ore fa
tu dormivi nel tuo letto o chiacchieravi con gli amici
progettavi il tuo sabato, adesso
sono rimasti papà e mamma
in cuore di ghiaccio.

Quale follia serpeggia negli esseri umani
e morde. Discorsi inaspettati
alla tua giovinezza: la tomba.

 Dove i genitori sopravvivono ai figli
e non bisogna pensare più al tuo futuro né
sperare
una buona fortuna
come dicono le mamme e pensano i padri
Melissa. Sei diventata per noi
un sorriso di fiele
che beviamo a larghi sorsi .

Combatteremo in nome dei tuoi occhi belli, noi
non taceremo
dicendo tanto è inutile.

Cara, a te buon riposo e grandi ali.

Domenica Luise

Annunci

31 thoughts on “Dolceamarissima

  1. Molto commovente, Mimma. Questo terrore inaudito con innocenti è l’espressione più crudele della malvagità di chi compie atti simili. Per e-mail ti manderò un indirizzo a cui spedire questa bellissima poesia, che si sente scritta con l’anima, perché si vuole fare un libro per dire basta al terrorismo. Grazie, Mimma
    Ciao
    car

    Mi piace

    • …tanto non servirà a niente.
      Siamo tutti impotenti.
      Questi orrori ripugnanti sempre sono stati e sempre saranno.
      La malvagità, la stupidità, l’ignoranza, la manipolazione, la rabbia, la voglia di vendetta, l’incomprensione, l’indifferenza, la complicità, la paura, la vigliaccheria, l’egoismo…Basta. Ho detto abbastanza.
      Ma è solo per sfogo.
      Ché tanto non serve a niente.

      Mi piace

    • Forse siamo impotenti, ma non del tutto: perlomeno abbiamo la parola da dire. Possiamo piangere, gridare, pregare, urlare il nostro no a incominciare da noi stessi e dal nostro contorno , informarci politicamente, avere le idee più chiare possibile. Mai giungere a patti. Mai, per nessuna ragione sacrosanta. Conosco un giovane uomo che per questo si è fatto piuttosto licenziare, adesso è senza lavoro, sta pagando di suo. Se invece si fosse piegato, preparandosi ad ulteriori sottomissioni, a quest’ora avrebbe un ottimo stipendio e il finto rispetto. Se insieme noi persone da nulla siamo buone a pagare le tasse “con equità” e a suscitare la ricrescita, visto che così ci dicono anche se io non li credo, saremo anche buone a liberarci della mafia rifiutandola in blocco. E basta a questi fetentoni manipolatori e prevaricatori.

      Mi piace

      • Accanto ad un dolore sordo e all’ orrore, rimane la parola, sì Mimma. La testimonianza che ci regali in questa tua risposta è sacrosanta e fa bene al cuore. La sua azione fa onore a lui e incoraggia, è di monito.
        Brava Mimma..grazie

        Mi piace

    • Car, sarà un onore per me partecipare al libro contro il terrorismo, ne parlerò anche sulla mia pagina facebook. Stanotte mi sono svegliata poco dopo mezzanotte e ho dovuto scrivere questa povera poesia e metterla subito sul blog, dove ho voluto che restasse a ricordo di tanta vita offesa il suo sguardo di quasi bambina. Ho pianto pensando a lei e ai genitori. Poverini, una figlia unica che poche ore prima dormiva tranquilla nel suo letto. Mi sento sconvolta dal loro dolore.

      Mi piace

  2. L’ho riletta adesso questa poesia e ho avuto i brividi per tutto il corpo. Dunque, lo ripeto, è una poesia molto molto toccante. Grazie, Mimma, che hai saputo trovare le parole giuste.
    car

    Mi piace

  3. Ieri i giovani sono stati colpiti nel cuore.
    Lo sdegno, il dolore, la rabbia potranno far sviluppare sempre più quel disprezzo verso chi taglia in modo barbaro e vigliacco le ali alla vita.

    Mi piace

  4. pagano giovani vite per disegni così laidi che non ci sono parole a descriverli.
    le forze che stanno dietro a stragi ed eccidi, si nutrono da secoli di sangue dei deboli, ormai non hanno nemmeno più il ritegno di mascherare l’orrido su cui sono fondati i loro sistemi di potere.
    verranno tempi ancora più duri, e le vendette trasversali avranno sempre come vittime gli innocenti.
    La tua poesia si sente che è scaturita dal cuore.

    Mi piace

    • Cristina, invecchiare è duro, non fanno male soltanto le ossa, anche l’anima si accora ed entra più di prima nel dolore degli altri con una sorellanza profonda. Questa terra dura e bella poteva comunque essere un eden se non ci fosse stata una schiera di malvagi a tutte le latitudini, sono sempre gli stessi nei secoli: privi di misericordia, gli piace prevalere sui deboli asservendoli e non hanno scrupolo di nulla. Vergogna al mondo. Dico, non sanno amare per propria natura, ma potrebbero almeno provare il timore che un Dio qualunque possa chiedergli il conto. Non ci credono affatto, qualunque sia il loro abito nel quale si ammantano. Non parlo così perché sono una poveraccia, non ho mai mendicato né fatto la fame, ho lavorato e mangiato e amato come sono stata capace, ma adesso provo troppo disgusto e sono contenta che la vecchiaia incalza e la morte mi libererà presto da questo mondo ignobile.

      Mi piace

  5. Questa è la risposta alla replica di Marzia: non sai il danno che hanno fatto ad una persona innocente, di grande valore intellettuale: adesso sta per partire verso l’estero, è così che i migliori cervelli se ne vanno altrove e qui restano gli incompetenti ai posti di potere. Né io ho saputo dirgli rimani, anzi tutto il contrario: allontanati da questo schifo. Dalla mamma vecchia che piange, dal fratello che ha una laurea e lavora al mercato, dice che va e poi torna, ma tutti sappiamo che se ne va e basta.

    Mi piace

  6. Cara Mimma, ho letto con attenzione la tua risposta a Cristina ed è esattamente il mio pensiero. Il male nei cuori compie tutta questa barbarie, sinché impererà il male dovremo soffrire, è la croce da portare. Il mio cuore è infinitamente addolorato per Melissa, per Veronica che sta lottando e per i genitori, che tormento, che strappo lacerante al loro cuore. Quando troveremo la pace? Quando il mondo avrà sgominato il male e ci vedrà uniti nel regno dell’amore. Sulla terra vi sono gioie e dolori.
    Bellissima poesia, si sente tutto il tuo dolore.
    un bacio
    annamaria

    Mi piace

    • Questo evento ha come dato la stura a tutto il dolore che mi ero accumulata dentro guardando i telegiornali e pigliando coscienza del male che esiste sulla terra. Mi sento come se mi avessero bastonata. Poveri genitori, povere bambine, povere tutte le vittime innocenti di qualunque razza, fede religiosa ed età.

      Mi piace

  7. Anch’io ho un figlio unico e non voglio nemmeno immaginare a quel che proverei se rimanesse ucciso mentre va a scuola o è al lavoro. Poveri genitori…e povera ragazza che è ancora viva ma le hanno ricostruito il torace e amputato una mano ed è piena di ustioni …Quanto dolore l’aspetta qualora riuscisse a sopravvivere?

    Mi piace

    • Pensa, mia cara, se sono sconvolta io al punto che non posso dormire, come se queste innocenti fossero anche un po’ figlie mie, cosa proveranno quei padri e quelle madri, specialmente chi domani seppellirà la propria ancora bambina. Tutto il male di questo mondo si compendia in quel sorriso cancellato.

      Mi piace

  8. il bene non sconfiggerà mai il male perchè se ne nutre, ne ha bisogno, il buono non avrebbe ragione d’esistere senza il cattivo. Sono ateo e quindi più che alla giustizia divina mi appello a quella della natura, alcuni la chiamano “sorte”, a volte nel suo cieco distribuire il cancro ci prende. Non esiste neanche la giustizia legale degli uomini, a Roma dopo l’uccisione della bambina Cinese abbiamo assistito ad una punizione esemplare privata, i giudici avrebbero scarcerato gli assassini dopo poco tempo, come hanno fatto con altri. Siamo in uno Stato che libera, paga e protegge bastardi che squagliano i ragazzini nell’acido in cambio di elenchi di persone da arrestare, concettualmente un patto tra infami. Melissa è morta vittima della follia, una follia che nasce da lontano, le mafie non hanno interessi ad inimicarsi il territorio con merdate (scusa il francesismo) simili, è più probabile che lo trovino prima loro e lo impicchino in piazza per recuperare prestigio. Siamo a questi livelli.
    Complimenti per i versi, sentiti e toccanti

    TADS

    Mi piace

    • Tads, i livelli a cui siamo giunti stanno diventando insopportabili, spengono le piccole gioie che finora mi rallegravano. In cucina ho messo sul tavolo dove mangio un mazzetto di roselline mignon coltivate da me, sono incantevoli, ma mi fanno piuttosto venire da piangere. Sono amareggiata, non vedo sbocco a questo male galoppante. È un vendersi continuo al migliore offerente calpestando gli innocenti. E in tutto questo non conta la propria fede religiosa o politica né la razza, esiste l’essere umano che ama o non ama. Dove mancano l’amore e la compassione manca anche la persona umana degna di tale nome.

      Mi piace

  9. Io tra terremoto in alta Italia e strage di Brindisi ho avuto una paresi da non poter proferire parola. L’hai fatto tu per me e qualche altra amica che seguo. Ancora ora non riesco a dire niente. Mi faccio mille domande alle quali non trovo risposta. Sai Mimma, credo che se si avverasse la prefezia dell’imminente fine del mondo, non mi importerebbe molto. Per come siamo conciati, soprattutto nella morale, escludendo le calamità natirali, ce la siamo proprio meritata. Comunque, chi riesce a reagire, fa bene a far sentire la propria voce. Spero che presto, appena mi riprenderò, potrò unire la mia. Un bacio

    Mi piace

    • Ti capisco. Lo provo anch’io, della storiella che il mondo finirà a breve non mi importa niente e non ci credo, ma se anche avvenisse ce lo saremmo meritato ampiamente. Vergogna. E tra calamità più o meno naturali e stragi di origine mafiosa oppure terrorista, comunque stragi, le parole finiscono e rimane una tristezza infinita, quella di Gesù: L’anima mia è triste fino alla morte.
      Sono contenta che, fine del mondo o no, mi rimanga poco per vetustà. Non mi sento di resistere oltre su questa terra, in mezzo a questi orrori.

      Mi piace

    • Sono qui, piccola, non dobbiamo abbatterci, c’è ancora tanto bene, che nessuno porta alle prime pagine dei giornali e in televisione, coraggio, dunque: lo dico a voce alta per me stessa, per te e per tutte le persone di buona volontà, uomini e donne, che incominciano dalla propria famiglia allargando l’amore a macchia d’olio sempre più.

      Mi piace

  10. una ingiustizia feroce e io sono senza parole, ho tanto dolore e rabbia, ma si combatte col coraggio questa battaglia per un mondo diverso da questo, così barbaro, così sprezzante della vita.

    Mi piace

    • E ci vuole davvero coraggio per continuare a combattere con un amore malgrado tutto ogni barbarie che ci pressa da vicino. Io, sinceramente, nei giorni passati mi ero davvero abbattuta e la prima cosa che mi viene in mente in questi casi è di fare clic e cancellare i miei blog. Le vostre esortazioni (sono stata anche dolcemente rimproverata) mi hanno fatta riemergere, vi debbo ringraziare poiché ci siete. Un abbraccio a tutti, uno per uno.

      Mi piace

  11. una vicenda che ci ha sconvolti. E vedo che la maggior parte della gente è brava gente, ne sono felice eppure tanta brava gente non basta, tanto bene non basta, la speranza non basta
    Grazie di questa poesia
    Baci

    Mi piace

    • Quanto mi consolate con la vostra presenza nella mia vita, grazie a voi perché ci siete. Verissimo: tanta brava gente e speranza non bastano perché il male, quando si manifesta, spicca più del bene, ferisce e uccide più rapidamente di quanto l’amore guarisca, eppure siamo qui per ottenere una trasformazione e fare nascere il fiore bello dal seme rugoso. L’unione fa la forza.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...