Inezie

Tu accendi trucioli di cuore e silenzi.  Così
tutti gli azzurri.

Con zolle di prati e speranze
invincibili. Scintille.

Cercavamo la fonte, il nucleo
il punto di condensazione della verità
senza sbavature. Il solo bramato
con vagiti cinguettii miagolii belati tiepidi
e innocenze.

Trovammo piccoli particolari, gocce
alla damigiana.

Allora brindammo con l’illusione
e fummo uomini nell’universo
ad uno ad uno.

Fumammo la vita scuotendo la cenere
colma d’ignoranza
dall’urna al cielo. E la polvere
fu.

E poi? E poi? Senza domande non c’è respiro.

                                                                    Domenica Luise

(Elaborazione grafica di Domenica Luise)