Nascita

 
Nascita

 
Dov'è la poesia in nuce in gestazione
in esplosione d'artificio e poi
e poi sempre così aggirandosi
un passo avanti e uno indietro, ma
una volta c'erano gli inchini
ammiccamenti, teste piegate
perfino galateo netiquette e robe strane.
 
La poesia ride, gioca a campana
si nasconde, sale sul palcoscenico
si moltiplica sempre diversa
e piange a calde lacrime per gioia dolore
amore vita morte e usignoli.
 
Trasforma il grido in canto, è il suo potere.
 

                                                                      Domenica Luise

                                                                         (File di Domenica Luise)

Annunci

16 thoughts on “Nascita

  1. Io la scorgo laggiù, nei colori e nella luce, in quel nodo che si espande, nel canale della nascita, tra piume e vortici, in una circolarità aperta e senza posiibilità di misura. L'ho vista e sentita così la poesia nella tua immagine, che, e sembra una magia, non è immobile, ma volteggia, gira, crea svoltei e curve, nasconde e ci spinge a guardare, oltre e dentro, ancora di più.
    E poi è vero lei non vuole ammiccamenti né inchini o teste piegate: suo è un altro parlare, un altro esserci, un'espansione libera, amica degli sguardi veri e dei loro cuori. 
    Grazie Mimma per avere portato luce in questo malinconico inizio di mattinata, per avermi ancora una volta "sollevata". Ti abbraccio forte
    Flavia

    Mi piace

  2. Parafrasando un po', guarda cosa mi ha fatto immaginare questa tua nuova poesia:

    C'è un follettto dispettoso che si aggira nella mente, compie balzi e capriole, scompiglia i pensieri e ne fa un bel "soqquadro", ti sovverte la logica, ti produce tuffi al respiro, e non sai più che fare per metterlo a tacere e farlo acquietare.
    Finché, stanco si accoccola sulle ginocchia, finge di essere un bravo bambino-modello, così troppo buono che suggerisce parole importanti,  lancia versi come reti, con cui t'imprigiona, ti cattura.
    Si lascia accarezzare dolcemente, ti ascolta e tu l'ascolti, c'è finalmente un'intesa perfetta.
    E resti incantata e soddisfatta quando t'accorgi che tutt' ad un tratto è nata una bella poesia.
    Ma poi il folletto ritorna folletto e ricomincia coi suoi strani dispetti, così ti costringe a fare rinascere una poesia che credevi già nata. E questo avviene, a volte, più volte.

    Scusami per il tempo e lo spazio che ti ho rubato qui, ma considera anche il mio un po' come un gioco: volevo giusto condividere con te queste immagini suscitate dalla Nascita poetica mimmiana.

    Buona giornata (spero che almeno lì da te ci sia il sole, qui è tutto un grigiore autunnale, ormai…)
    Ciao,
    Car

    Mi piace

  3. Ma che bei commenti, ormai, vi vengono fuori con la più grande semplicità e libertà. Come si percepisce che leggete, guardate le immagini e vi sentite "bene", in armonia con Mimma. Quel file che illustra la poesia è ottenuto tramite gli effetti deformanti del corel, ma non uno solo, parecchi uno sull'altro. A me dà come la sensazione di un orecchio poetico che ascolta i sussurri dal di dentro dell'anima.
    Flavia, anch'io avevo pensato al canale della nascita trasformato in colori vibranti sia pure nella loro immobilità.
    Dipingo vortici continuamente nei miei quadri e anche con le parole, Rossella. Vengo talora sul tuo blog, quando riprendi a regalarci le tue poesie?
    Car, è proprio come dici tu: un folletto burlone, non cattivo, ma molto monello, anche affezionato, talora con alucce di angioletto e poi, d'improvviso, armato con forcone e tridente insieme all'aureola tipo neon: ecco l'ispirazione, che non conosce sosta, irrenunciabile e bella.
    Francuzza, sì, mi piace: la conchiglia dell'essere.
    Buonasera adesso: vivete felici, tanto è sempre la gioia alla quale andiamo dietro, la gioia o la poesia, vita e retaggio umano.

    Mi piace

  4. La poesia
    "trasforma il grido in canto, è il suo potere"

    e menomale che lo ha, questo potere!
    ci salva dalla mortificazione quotidiana
    dalla drammatica realtà della malattia
    della perdita
    dei dubbi che ci affollano la mente
    e ci permette di modulare musiche
    sullo spartito del dolore…

    e rinascere usignoli, o uccelli del paradiso.

    ciao
    cri

    Mi piace

  5. La poesia è spontaneità e non retorica e tu, cara Mimma, possiedi una creatività deliziosa e attraente. La poesia entra nell'anima e ha il potere di donare bellezza al pensiero anche se triste: è la capacità del poeta a regalare queste emozioni.

    Buon tutto
    un abbraccio
    annamaria

    Mi piace

  6. Grazie, cari. Cristina, come ti percepisco bene in quello che dici, il tuo commento continua la poesia, vedi come ci espandiamo e quant'è di conforto? Anche la vecchiaia incalzante diventa vent'anni e un giorno o poco meno o poco più, ma non arriviamo a ventuno: la piena femminilità in fiore.
    Giusto, isabel, la poesia è emozione ed esperienzaa interiore, non vuota esercitazione. Oh, Falconier, che bello, la poesia ti trasforma il canto in suono… passa da un senso all'altro e la carne diventa anima e viceversa, e tutto è buono, bello, vivo.
    Buonanotte, dormite serenamente e fate sogni fantastici.
    A tutti quelli che passano da qui tutta la mia gioia.

    Mi piace

  7. Un saluto veloce
    per dirti che è sempre una goia passare di qui e leggere il principio d'ogni tua nascita che a un pò di buon vecchoi si allega e sempre Mimma si ritrova tutta di sè vestita.Ti abbraccio, So che ti arriverà.Mirka.

    Mi piace

  8. La poesia ha il potere delle emozioni…
    …dell'amore, del dolore, del riso e del pianto!…
    Grazie per le tue che hanno il potere di fare bene al cuore!
    Graziella

    Mi piace

  9. C'è davvero un vortice  coloratissimo dentro di noi e la poesia esplode così come tu ce la doni.
    Mi piace questa  espansione di sensazioni, un momento si ride, poi si piange, un grido che viene dall'anima, e qua il bisogno di esprimerlo e condivederlo con gli altri.
    Quel giorno che abbiamo parlato mi hai trasmesso il sole  sai, un calore positivo dentro di te davvero stupendoo!
    E' l'amore per la vita !

    Sono contenta ti sia piaciuto il nostro viaggio…

    baciooo !

    Mi piace

  10. Buonanotte, cari: non ne potevo più di rivoltarmi e così mi sono alzata e attaccata al computer, almeno mi espando nell'etere virtuale, meglio di niente.
    Benvenuta, Giovanna, sì, la poesia mi conforta, è bellissima come un'angiolessa custode.
    Sì, Mirka, mi sei arrivataa col tuo caldo amore che sempre canta.
    Graziella, sono felicissima se le mie poesie o tentativi che siano riescono a sollevare certe ferite profonde che ci portiamo dentro.
    Paolam, dolce creatura, presto ci sentiremo di nuovo e faremo un altro viaggio su skype, anch'io ho sentito il tuo calore e tanta sincerità innocente.
    Chi percepisce i sussulti della poesia dentro di sè muore dal bisogno di comunicarsi a qualche anima che possa riceverne i barlumi… e tanto fa che prima o poi qualcuno apre gli occhi, vede e sorride.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...