Fortunello

 

Morte e Vita erano sorelle, anche se di opinioni diametralmente opposte.
Passavano il tempo duellando l’una con la falce e l’altra con un fiore di
qualunque tipo. Pare impossibile che Morte dovesse fare tanta fatica per
troncarlo, ma il problema era che quel fiore si moltiplicava subito.
Si arrabbiava poi moltissimo quando Vita glielo scuoteva sul teschio, specialmente le davano fastidio i gelsomini, che le cadevano tutti nelle orbite.
Affannata per l’ennesimo colpo andato a vuoto, la Morte si distrasse  pensando
che doveva affilare la falce ed in quell’attimo un uomo che veniva al mondo,
uno solo nel tempo e nella storia, visse senza mai conoscere malattia fisica
né sofferenza dell’anima. Tutto gli andò bene fin dalla culla. Il giorno stesso
del parto suo padre, un povero disoccupato, vinse al totocalcio. Fu così che
gli comprarono il corredino e lo chiamarono Fortunello.
Fu subito evidente, tuttavia, che portava fortuna soltanto a se stesso.
Non avendo mai provato dolore di alcun genere, non capiva gli altri  e pensava
che facessero “ smorfie per mettersi al centro dell’attenzione “, come spesso ripeteva senza peli sulla lingua. Sua madre, per esempio, aveva sempre mal
di pancia e pesantezza alle gambe con le vene varicose; suo padre,
al tempo della fioritura delle fave, pigliava il raffreddore allergico
tutti gli anni; la sorella maggiore, ogni poco, aveva dolore al fianco destro;
il più piccolino, di tre mesi, era delicato di stomaco, rigurgitava il latte
e puzzava sempre di acido e di borotalco. Che schifo. Perfino il nonno
sosteneva che non ci vedeva per le cataratte.
Fortunello non nascondeva il proprio disgusto né l’incredulità. Aveva notato
che anche il resto degli esseri umani si lamentava sempre come quelli della sua famiglia. Doveva essere un rituale. Quanto a lui, crepava di salute ed era bello
da togliere il fiato. A venti anni si sposò con una ragazza rubiconda, dopo una scelta selezionatissima per cercarsi la più robusta. Restò molto sorpreso che
anche lei strillasse per partorire come tutte le altre  e, per castigarla, non le
portò neanche un fiore raccolto sulle siepi di pitosforo del giardino pubblico
dove era andato a smaltire la rabbia perché gli era nata una femmina invece
del maschio. L’anno seguente altra femmina, due anni dopo tris. Quattro
femmine in casa, moglie compresa, tutte che si ammalavano scrupolosamente.
<Ne hanno preso da te > diceva alla moglie.
< Sei tu anormale > ritorceva lei. Il che era vero, ma Fortunello non se ne
rendeva conto.
A quarant’anni era asciutto, sodo e senza una ruga. Tutte si innamoravano di lui.
Era diventato segretario di fiducia del dirigente.
La moglie e le figlie invecchiarono, Fortunello no. Era diventato dirigente.
A ottant’anni saliva e, soprattutto, scendeva gli scalini a tre a tre. Dopo
essere diventato dirigente dei dirigenti, con rammarico, l’avevano dovuto
mettere in pensione per raggiunti e sorpassati limiti d’età.
La moglie morì e lui non sparse una lacrima. Non era colpa sua, non sapeva
come si fa.
Le figlie avevano tutti i capelli bianchi, lui no. A cent’anni si divertiva  a farsi cinque chilometri di footing al giorno per le campagne, naturalmente cinque ad andare e cinque a venire.
Le figlie si ammalarono e morirono, lui non sparse una lacrima neanche stavolta, né si sentì solo né niente.
La Morte, quando liquidò la figlia più piccola, casualmente si accorse di quel
baldo giovine, che stava distratto al funerale e sembrava tanto annoiato.
< Ma quello chi è? > chiese alla Vita.
< E’ il padre > rispose Vita.
Morte si infuriò : < E quanti anni ha? >
< Cento e due > ammiccò Vita, contentissima per avergliela fatta.
< Perché non sono stata avvertita > gridò Morte, diede un gran colpo di falce
e Fortunello subito si ammalò.
<Ora capisco, ora capisco > diceva a tutti con gli occhi bagnati di lacrime e un filo di voce.
< Poverino, vaneggia > mormorava la gente, < a quell’età > .
< Così, da un giorno all’altro… >
< Siamo tutti sotto lo stesso cielo >.
< Ma almeno si è confessato? >
< Certo, con grande pentimento > .
Fortunello giaceva semimorto, in attesa della falciata finale. Le lacrime continuavano a scorrere nel suo viso ancora senza rughe, soltanto un po’ più pallido del normale.
< Ora capisco, ora capisco…>
Chiuse gli occhi e sentì, finalmente, la compassione per tutti quelli che
soffrivano come lui, ripensò, in un attimo, ai suoi genitori, ai fratelli, al nonno
con le cataratte, a sua moglie e alle figlie. Sembrava che il petto gli
scoppiasse d’amore.
< Ora capisco, ora capisco > mormorò, < ora sono felice > .


                                                                    Domenica Luise
 

 

Annunci

20 thoughts on “Fortunello

  1. BRAVA!
    Soffrire e gioire degli stessi mali non può che farci sentiri simili e uguali.Felici? Non so Comunque sai di far parte della cordata e questo…Ciao,Mirka

    Mi piace

  2. Ecco, si può raccontare il mistero dell'esistenza con la leggerezza divertita della tua penna.
    Parabola, direi, in ogni senso, del significato nascosto e del palese.
    Quanti Fortunello in giro!
    Ma, chissà, forse senza di loro gli altri non porterebbero a termine l'esperienza del disinteressamento e dell'abbandono.
    In fondo vita e morte sono due aspetti antitetici della stessa realtà.

    Mi piace

  3. Con la sofferenza il protagonista ha recuperato l'umanità: soffrire e gioire sono caratteristiche umane e per comprendere i propri simili occorre mettersi sullo stesso piano della fragilità.

    Adoro le tue favole metaforiche: con dolcezza ed ironia diffondi un messaggio da cogliere fra le righe. Complimenti!

    un affettuoso abbraccio
    annamaria

    Mi piace

  4. Una bellissima favola da cui trarre un bell'insegnamento…e per di più sorridendo!…
    Mi ricordi Esopo !  …in versione femminile e moderna!!
    Grazie!
    Graziella

    Mi piace

  5. Ciao Mimmissima. Il duello tra morte e vita, falce e fiori, mi ha divertito tantissimo. Ma anche il seguito. Mio padre diceva "Fateci caso: chi campa più di cent'anni, non si è mai ammalato". Tutti fortunelli che non avendo provato dolori non possono capire quelli altrui. Però, se non si prova dolore, non si può sapere cos'è la felicità. Ed ecco la morale.
    Ancora una bella favola originale e fantasiosa. Complimenti.

    franca

    Mi piace

  6. Si dice " chi non ci passa non ci crede" ed è proprio così, se non hai mai sofferto non puoi comprendere gli altri, soffrire poi ti porta ad apprezzare
    tanti aspetti della vita, sicuramente ad  amare di più.
    Incredibile storia che ci svela aspetti incredibili della vita…
    Grande Mimma, un abbraccio
     

    Mi piace

  7. Sì, meglio "sentire" che avere un deserto dentro!
    Esiste gioia e dolore,ma  anche il ..nulla e purtroppo non è patologico!
    Bacioni Mimma! 🙂
    Chiaretta

    Mi piace

  8. Già…soprattutto gli uomini, se non toccano con mano non capiscono. Hanno poca fantasia…Non riescono ad immedesimarsi negli altri finchè non si trovano nella stessa situazione.D'altra parte, non si può apprezzare la felicità se non si è mai sofferto. Bella storia!

    Mi piace

  9. Che bella mi sono perso nella lettura.
    Che bello senza dolore ne malattie!
    Niente USL ne sirene spiegate per le vie e niente stragi del sabato sera. Niente dolorini vari ne colpi di tosse…ma siamo in paradiso o nel mondo dei sogni…
    Domani è lunedì dolori per tutti credo…

    Mi piace

  10. Mimma, non so cosa ti ha ispirato o chi, ma mi hai commossa com questa favola dal sapore "esiodiano" ( avrò coniato un termine nuovo? ) .
    Una vicenda con la morale e così lontana dalla dissenateeza odierna.
    Fortunello provò su di sè e, con il tuo racconto, a noi che persino dal dolore e dalla morte possiam trar frutto se siamo capaci di non rincucciarci.
    🙂

    Mi piace

  11. L'hai detto non era colpa sua. Ma è stato Fortunello sino all'ultimo   "felice" finalmente di capire e provare compassione.

    Sempre grandemente istruttive le tue fiabe, è un piacere leggerti.
    Un caro abbraccio

    frantzisca

    Mi piace

  12. Buongiorno, buongiornissimo, molto più buongiornissimo assai. Questa favola mi è stata ispirata da un brav'uomo  che, nella vita, era passato in maniera indolore dalle mani della mamma e delle sorelle, che l'hanno sempre trattato come il reuccio di casa, alle mani altrettanto amorose della moglie. Appena appariva, bisognava ascoltarlo, per quanto mi abbia lasciata una volta a bocca aperta (letteralmente: l'ho richiusa dopo uno sforzo di volontà) ragionando di politica. Egli diceva ad ognuna delle donne tutto ciò che doveva fare di se stessa e della propria vita e nell'immediato, per il comodo di lui. Fosse stato un parente l'avrei dovuto  subire anch'io. Cambiava all'istante atteggiamento coi maschi, divenendo tutto complice e amico fedele.  Così non l'ho invitato più e vedo sua moglie, ormai, anche più raramente perché lo difende a priori e con me sono cascati male tutti e due.
    È l'esempio più eclatante dello schifoso maschilismo siculo.
    Se la moglie non si piega il maschio ne trova cento e una pronte ai suoi comandi.
    Fortunatamente non sono tutti così. Ero arrabbiata e ho scritto la favola.
    Marzia, mi piace moltissimo il verbo "rincucciarsi", questo sì che è un neologismo valido.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...