Mimma, Cristina e lo specchio del sogno


 < In questo specchio > affermò lo gnomo Sbilenco, < vedrete sempre e soltanto
ogni vostro sogno realizzato. Altro che televisione o computer >.
Sbilenco aveva molti anni, ma non li dimostrava. Era magro, vestito di rosso, tutina aderente e giacca corta, ombelico di fuori come la moda impone estate e inverno.
 La gobba, però, si notava subito perché lo faceva rassomigliare ad un punto interrogativo. Sul cranio pelato portava sempre una specie di papalina, intorno
alla quale spuntava una rada ghirlanda di capelli bianchi ondulati.
Lo sguardo era arguto, anzi birbante ed anche alquanto divertito.
Poteva essere alto non più di quattordici, quindici centimetri.
< Guardate me, per esempio, quale sogno ho >, aggiunse. Si specchiò e subito si raddrizzò, la papalina scomparve e gli crebbero i capelli, che erano castani con sfumature biondo miele. Nello specchio lo raggiunse una gnoma bellissima, che aveva tutte le curve al punto giusto, bruna, tipo mediterraneo, occhi di velluto, capelli fluenti, gli corse incontro e incominciarono a baciarsi appassionatamente. Lei indossava un abito di sangallo bianco, corto sul ginocchio, con i fiocchetti di raso blu al collo e alle maniche. Poi la scena cambiò e si vide la loro casa, sotto le radici di un albero di castagno, dentro c’erano tre bambine e due maschietti che dormivano mentre la coppia, in cucina, finiva di lavare i piatti e chiacchierava allegramente. Si sentiva un bel profumo di torta al cioccolato, che agli gnomi piace molto, e di zucchero vanigliato.
Anche Mimma e Cristina, entrambe in dieta dopo gli ingrassaggi inconsulti delle festività natalizie, si sentirono montare l’acqualina in bocca e inghiottirono.
< Possiamo sognare di fare un buon pranzo, ma senza mai ingrassare? > chiesero perplesse, < io vorrei sognare di essere una grande scrittrice intervistata a tutti i telegiornali e con migliaia di libri venduti > affermò Mimma, alla quale non andava giù la propria qualifica, ormai ufficiale e nota a tutti sul web,
di scrittrice di sicuro insuccesso.
< Anch’io, anch’io > disse Cristina, e arraffò lo specchio.
Come se fosse una telenovela, si videro sedute in mezzo a una gran folla di editori, che si sbracciavano implorando un colloquio con loro a qualunque prezzo. Altere, le signore firmavano autografi. I loro agenti presero accordi con l’editore più ricco, più grasso e che offrì la somma di acconto maggiore, ma ne tennero anche un secondo di riserva perché le due scrittrici erano entrambe prolifiche. Tra tutti gli esperti di spettacoli che litigavano a gran voce per  guadagnarsi il diritto di trarre un film dalla favola dell’Usignola stonata di Mimma, alla fine vinse la partita quello che gridò una somma iperbolica, ma talmente iperbolica che non me la ricordo, c’erano troppi zeri e io sono negata per la matematica.
Qui Mimma e Cristina sbadigliarono.
< Cambiamo sogno? > disse Cristina.
< Guarda, lo stavo suggerendo anch’io > rispose Mimma, < ci leggiamo sempre il pensiero >.
< E che cosa vuoi sognare? >
< Scegli tu >.
< No, scegli tu >.
Sbadigliarono di nuovo storcendo il muso per non farsene accorgere da Sbilenco.
< Sogniamo, sogniamo… non mi viene niente > disse Cristina.
< Nemmeno a me > confermò Mimma, < ecco, ci sono. 
Sogniamo di scrivere una poesia >.
< Sì, sì, che meravigliosa idea >.
Subito nello specchio apparvero entrambe, sedute ognuna al proprio computer, che pestavano sulla tastiera con atteggiamento da monelle.
< Facciamo quella faccia quando scriviamo le poesie? > disse Cristina.
< Evidentemente sì > rispose Mimma.
< Ma voi due > intervenne Sbilenco, < avete proprio bisogno di uno specchio magico per sognare di scrivere le poesie? Non lo fate ogni volta che volete da sole? >
< Hai ragione > dissero in coro Mimma e Cristina, < Grazie, Sbilenco, del bel regalo, ma non ci serve > conclusero dopo essersi consultate con uno sguardo d’intesa, < per noi due la realtà è più entusiasmante dei sogni >.
 

Domenica Luise
 

 

 

16 pensieri su “Mimma, Cristina e lo specchio del sogno

  1. ma che meraviglia!!!!!Mimma, ti prego, non smettere mai di fiabeggiare su noi due!Mi ci diverto troppo!altro che specchiomagico, qui.forse Sbilenco lo specchio lo metterà davanti a qualcuno che sognerà di farci smettere….ma allora speriamo che non gli funzioni.anche gli specchi possono scioperare, no?Però la bagarre per avere i nostri autografi, la cifra astronomica , gli editori grassi…wow! ma come ti vengono in mente certe idee!…ti confesso una cosa, in tutto questo, mi sono innamorata di Sbilenco.

    "Mi piace"

  2. Che carina!!! L'atteggiamento da monelle mentre scrivete poesie mi ha conquistato, come l'autoironia che pervade tutto il testo e la conclusione: basta la realtà ad ispirarci, la realtà che a volte è più fantastica dei sogni.Ciao vulcanofranca

    "Mi piace"

  3. La realtà è più entusiasmante dei sogni! Dici bene, cara Mimma, nel vostro caso non serve pensare a qualcosa che si possiede magnificamente: la vostra realtà è pregna di ispirazione e di talento, invece sognare importanti successi, editori genuflessi, si fa per dire, sarebbe meglio. Siete una coppia vincente e le tue favole sono troppo belle e divertenti.Un grande abbraccioannamaria

    "Mi piace"

  4. E così dopo la divina fiabedia ora tu e Cristina siete alle prese con lo gnomo Sbilenco e lo specchio dei desideri… Carina questa nuova storia uscita dalla tua mente così feconda…Sognare non costa niente e a volte ci fa sopportare meglio la realtà non sempre rispondente ai nostri desideri. Ma chi ti ha fatto tanto innervosire con i commenti " da suocera" ? La gente troverà sempre qualcosa da dire o meglio da ridire. Stamattina stavo scendendo in centro con mio marito per il solito prelievo, ad un tratto Giuseppe esclama: " Ma quella ragazza si sente male?" Ho alzato lo sguardo ed ho visto sul marciapiede una fanciulla pallidissima seduta a terra come una bambola rotta. Sono scesa dalla macchina senza nemmeno guardare se passavano macchine, mi sono avvicinata e le ho chiesto se stesse male e volesse essere accompagnata in ospedale. Lei mi ha detto di no con la testa ed in un sussurro mi ha risposto che aveva chiamato il padre , ma intanto mi ha afferrato la mano e mi ha mormorato che lei tentava di chiedere aiuto ma nessuno si fermava e quando è scivolata a terra ha creduto di morire. Era bianca come un cencio.. Dopo di me si sono fermate altre persone, in particolare due ragazze che sono rimaste ad attendere il padre con me. Lei nel frattempo non mi ha mai lasciato un attimo la mano, Giuseppe è andato in un bar per farsi dare un po' di acqua e zucchero, quando è arrivato il padre dopo circa mezz'ora lei si era alzata da terra e seduta su un muretto, il polso cominciava a battere in modo quasi regolare…quando l' ho lasciata alle braccia del padre mi è sembrato di sentirmi staccare qualcosa, mi è parso indelicato chiederle il numero del cellulare, ma avrei voluto perchè si era creato tra di noi un afflato affettivo. Si chiama Lorena, da oggi sarà sempre nelle mie preghiere.Iole.

    "Mi piace"

  5. Che bellissima storia mi hai raccontato, Iole. Potevi darle tu per prima il tuo numero di telefono, ma chissà, la vita è strana, sono sicura che vi incontrerete di nuovo, me lo sento.  Bisognerebbe sempre portare con sè in borsetta qualche caramella per le emergenze ed anche la bottiglina con l'acqua, non si sa mai. Veramente quelli non sono stati commenti da suocera, ma conversazioni viso a viso, guardandomi innocentemente negli occhi. Lasciamo stare. Non ragioniam di lor, ma guarda e passa. Non sono né arrabbiata né delusa, ormai non me ne importa niente, soltanto ne prendo atto e so di chi fidarmi e di chi no. Comunque si tradiscono perché mi sottovalutano e questo è un loro grave errore: credermi buona, taaanto buona, scema.

    "Mi piace"

  6. Mariachiara mi suggerisce di dirti che chi pensa che tu sia scema non ti conosce affatto. Sono d'accordo, loro scemi,mia sorella no. Si, sorellina, storia bellissima, ma nessuno si era fermato prima di me, nei pochi istanti che l'ho vista prima di precipitarmi accanto a lei ho notato persone che passavano " scavalcandola".

    "Mi piace"

  7. Ecco che riesco a ricollegarmi, finalmente.Anch'io voglio guardare nello specchio dei sogni!Sai quante volte l'ho già fatto?Vorrei trovarvi un bel futuro, ma invece non risponde.Credo sia sottinteso questo discorsetto, che dovrei intendere senza sentire la voce dello specchio: "eh, eh, date le premesse…. cosa vuoi da me? io sono solo uno specchio e come tale rispecchio quel che vedo. Ora. Che futuro e futuro!"Da ciò intendo che il futuro è già nel presente e anche nel passato.E allora, altro sottinteso dello specchio: "vivi il presente, con tutta la forza e la determinazione e la felicità che puoi!"E, a ben vedere, è proprio questo il tuo finale, Mimma: la realtà, quella che già viviamo, è più bella di qualsiasi sogno, o almeno tale la dovremmo far diventare se non lo fosse: bellissima.Grazie della tua fantasia che spinge sempre a riflettere, a pensare.Un abbraccio,Wilma.

    "Mi piace"

  8. Voglio anch'io incontrare Sbilenco, vorrei provare a vedere se in fin dei conti è meglio questa realtà del mio sogno. Tu però cara Mimma fai sempre sognare erassereni l'animo.Grazie, ti abbraccio.frantzisca

    "Mi piace"

  9. Ah come sarebbe brutta la vita se non ci fossero i sogni! E com'è fortunato chi ha tanta fantasia da poterne creare sempre di nuovi, per la gioia dell'anima e del cuore!E grazie a te che hai la bontà di condividerli con noi!

    "Mi piace"

  10. Sono contentissima di avervi divertito un po', creare quello che voglio dal niente e dare vita ad una favola o a un quadro, poesia, file è quello che è  rendendoli vivi è un'esperienza unica. Allora, evviva la fantasia. Buonanotte e grazie.

    "Mi piace"

  11. Si passa di qua come attraverso il vetro dello specchio magico e ci si sta volentieri, si sogna e si vive e ascoltando fiabe e storie di tutti i giorni come le due mani di iole e Lorena.Un caro saluto dal falconiere

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...