Fiori di cactus

 Fiori di cactus

 
Così bianchi e brevi, con guanciale di spine.
 
I vecchi
guardano la bella giornata da dietro i vetri
e pensano a quando, liberi, uscivano
a passeggio senza una scusa
solo per vivere. Già. E compravano
un vestito non necessario
 solo
per gioia, già. Oppure
non avevano voglia di uscire
e rimandavano
già. Adesso
ricevono le visite in fretta
a scampoli stracciati
e ringraziano.
 
           Domenica Luise
               (Fotografia di Domenica Luise)

Il libro di Bea

 

PS, notizia dell'ultimo momento: è in arrivo
il libro con le poesie di Beatrice Zanini,
eccolo qui fotografato da Cristina. 

Per vedere le ultime novità riguardo al libro di Bea fate clic QUI

 
 
Annunci

39 pensieri su “Fiori di cactus

  1. Bellissima questa poesia, è una rappresentazione tenera in ricordo degli anziani, della loro vita terrena e celestiale. I vecchi hanno sempre parole di ringraziamento: si accontentano di visite fatte a scampoli, quelle brevi visite riempiono il loro cuore.
    Sono felice per il libro di Bea, la copertina è stupenda, la cara Beatrice esulta in cielo.
    Un abbraccio mattutino.

    annamaria  

    Mi piace

  2. Scusami ho toccato qualcosa ed ho inviato il commento non ancora concluso….Che imbranata!!!!
    Allora,  dicevo, poesia triste e veritiera, non si ha mai tempo per loro, purtroppo.
    La vita è frenetica e ti risucchia in un vortice egoistico. mentre loro aspetano dietro i vetri e….ricordano.
    Un abbraccio
    un sorriso
    un fiore.

    Chiara

    PS: Brevissime… Bea sarà felice di far leggere lassù le sue meraviglie!!!! Noi, attendiamo l’uscita…

    Mi piace

  3. Grazie, care. Siete tanto care e pazienti oltre che brave. Un abbraccio grande, spero che il libro di Bea mi arrivi subito, ah, questo stretto di Messina, talora mi sembra un oceano.

    Mi piace

  4. La poesia di oggi è molto bella e triste, il cuore mi si stringe al pensiero di tante solitudini. Ci vorrebbe tanto poco a farli felici, una carezza, un bacio, anche se il tempo è poco loro serbano il ricordo per riviverlo.
    Spero che il libro ti arrivi presto, sono fortunata a stare più vicino
    stasera lo leggerò e penserò a te dolce MImma, magari a quest’ora è già arrivato
    Un abbraccio
    frantzisca

    Mi piace

  5. Sì, Frantzisca, il libro di Bea è arrivato un’oretta e mezza fa, è bellissimo. Mi manca tanto una sua dedica, ma per consolarmi rileggerò i commenti che ha scritto nel mio blog fino all’ultimo respiro. Era un tesoro che non meritava di soffrire ancora. Mi manca, eppure la sento vicina,  come una nuvola aurea.

    Mi piace

  6. Già. E’ proprio così, cara Mimma. La tua bellissima poesia tocca corde profonde e fa male e fa bene; ed aiuta ad essere più umani.
    Una delle tue più belle, per me.
    franca

    Mi piace

  7. Quant’è bello avervi intorno. Non mi aspettavo questo dono dalla vita.
    Il libro di Bea al mio capezzale.
    Le poetesse fanciulle.
    Buonanotte, mie care. Sognate ciò che più desiderate.

    Mi piace

  8. Una poesia molto bella Mimma che ho amato particolarmente.
    Triste, già, ma intensa e dolce.
    Bea ne sarà entusiasta e sorriderà felice.

    Un abbraccio grandissimo da questa verona così lontana.
    Ci sentiamo presto.
    ciao Mimmuccia

    o.

    Mi piace

  9. Benvenuta, Orsola, ti stavo proprio pensando da tutt’oggi. Mi sono tanto commossa con il libro della nostra Bea tra le mani. Ho un accoramento intenso. Di lei rimane il più ed il meglio.
    Un abbraccio grande e felice serata.

    Mi piace

  10. Lo sai tesoro come possa toccarmi questa poesia. Che dire sull’argomento? Potevano stare in un’unica pagina la tua e la mia, porca miseria se ci fossimo messe d’accordo.  (grazie per il commento)

    Bellissima e triste, ma la vita è triste, la vecchiaia è triste.

    Per fortuna ci sei tu MIMMA. Anche quando parli di cose tristi, si vede un lume acceso. Che meraviglia che sei!!!!!!

    Ross

    Mi piace

  11. Buonasera, mie care. Oggi ho usato un programma per fare calendari, il mese di gennaio 2010 è pronto ed è molto carino, si può stampare ed usare anche come desktop. Così ho perduto la nozione del tempo, contemporaneamente ho rimesso in moto la stampante, che ha fatto la monella, è vecchietta anche lei, poverina. Alla fine ha stampato, e benone per aggiunta. Sono un genio, mah. Era da un po’ che ci pensavo, al calendario, voglio dire, non al genio.
    Sì, la vecchiaia è un bel guaio, per me è contro natura perché tutti vorremmo essere belli, sani, sempre giovani e felici, invece! Assistiamo al decadimento dei più cari ed al nostro, se campiamo. Uffa.

    Mi piace

  12. Mi regali sempre un gran senso di pace… Grazie Mimma, dei bei versi e della bella foto.
    Quanto al libro di Bea, l’ho già letteralmente "divorato"! Sapessi come mi manca, anche lei…

    Mi piace

  13. Coraggio, Annarita, lo dico a te, ma soprattutto a me stessa, che ne ho un gran bisogno. Insieme è tutto meno difficile e poi possiamo sempre scoprire quella noce densa di luce all’interno del buio. Una vera sorpresa. Il libro di Bea è bellissimo, ben presentato dai nostri amici più stimati, magnifiche poesie in crescendo di ispirazione. Mi manca, è vero, ma so che non l’ho veramente perduta come non ho perduto nessuno dei miei cari, vorrei almeno sognarli e ricordarmene.

    Mi piace

  14. Che belli i vecchi quando sanno essere sereni del loro percorso. Un  mio vicino di casa a dicembre compirà novant’anni, quando lo vado a trovare lo vedo che è felicissimo di vedermi e mi trasmette molta serenità con il suo sorriso, sono davvero un bene prezioso le persone di una certa  età che continuano ad  avere quella solarità d’animo della giovinezza, perché nell’animo si resta sempre di vent’anni e un giorno. L’accostamento che hai fatto del fiore bianco di cactus con gli anziani è molto bello, e le tue parole fanno riflettere… sei super !!

    Mi piace

  15. Dimenticavo, siete state stupende a realizzare questo libro per  Bea, meritato  l’affetto e le stupende poesie, scaturite da  una sofferenza  che nessuno dovrebbe mai provare, sono perle preziose che ha lasciato di sé.
    tanti baci

    Mi piace

  16. Grazie, Paola, di tutto quello che mi dai: sempre presente, davvero vicina come un sostegno discreto nel non facile cammino che mi affascina. Sono felice per il libro di Bea: ha dettato le sue poesie fino all’ultimo, col filo di voce. E noi l’abbiamo circondata d’amore e di quella compassione buona, che non offende. Cristina ha fatto moltissimo ed adesso, nel nostro piccolo, siamo orgogliose di leggere e rileggere le sue parole intense.

    Mi piace

  17. Benvenuta, cara Daphnee, ma quant’è carino questo tuo nuovo avatar, si vede tutto il sorriso. La saggezza dei vecchi di casa viene apprezzata appena chiudono gli occhi e non sono più di questa terra, ma mentre erano vivi e soli ( c’è una solitudine gomito a gomito che è la peggiore di tutte ) gli si sbuffava dietro e anche avanti. Sono vecchi, no cretini, sentono il disamore, la noia e la poca attenzione. Non si possono ingannare. Spero, con questa piccola poesia, di avere aiutato qualcuno a manifestarsi l’affetto senza aspettare, che vale in tutti i casi, ma specialmente qui.

    Mi piace

  18. Bella la nostra Mimma, ho una foto serbata ( a memoria di un’amica che non ho più…) che, forse, si adatta…
    Te l’ho rielaborata.
    Non è proprio di una vecchia, ma credo renda l’idea.
    O no?

    Mi piace

  19. Ma che bellissima immagine, certo che rende l’idea: se i vecchi, nell’anima, si sentono l’età della propria giovinezza come me la sento io… sì, è quella l’età giusta. Grazie, Marzia, ottima rielaborazione. Veramente brava.

    Mi piace

  20. PS : Ho passato la mattinata a creare il calendario 2010, sono pronti i primi quattro mesi con immagini tratte dai miei due blog, questo e quello dell’usignola stonata. Quando sarà finito ( ma che lavoraccio ) lo manderò per allegato a tutti gli amici che me lo chiederanno tramite PVT , serve l’indirizzo di posta elettronica. Si può stampare in formato A4, che è il normale foglio di carta vergatina, dopo si porta in cartoleria e gli si fa fare la spirale in alto, dopo al centro della suddetta io ci metto un nastrino rosso di raso lucido e li regalo. Fatevi sotto. Per aggiunta il programma ( omaggio ) per fare i calendari mi si è impuntato, ha funzionato solo per quest’anno, ma io non dispero di rimetterlo in moto. Sono testarda, anzi testardissima, molto più testardissima assai. E adesso debbo correre in cucina perché ho preso questo brutto vizio di mangiare tutti i giorni…

    Mi piace

  21. Una poesia commovente, Mimma. Sai, penso sempre a ciò che sarà di me tra un po’ di anni…in attesa di una "visita a scampoli",dalle mie figlie : E’ cosa che accadrà, se avrò vita. La solitudine di ogni anziano è una insanabile e naturale malattia. 

    Anche io ho con me il libro di Bea. Come sono belle le sue poesie! Ci ha lasciato un patrimonio d’arte e sensibilità umana.

    Buona domenica,mimma cara!

    Mi piace

  22. Grazie, care, per la vostra passeggiata in questo blog variegato e un pochino pasticciato come me.
    Felice domenica anche a voi ed a tutti gli amici che passano di qui.

    Mi piace

  23. Le persone hanno fretta e non solo con gli anziani, ma con tutti, sembrano che abbiano chissà che cosa da fare e invece ogni tanto bisogna darsi una tregua e godersi una semplice passeggiata con gli amici o due chiacchere a casa. Mi mancano un po’ quello che si faceva un tempo!un abbraccio Mimma, passa un buon week end!

    Mi piace

  24. Grazie, Argeta, anche tu, e vivi felice.
    Io, mia sorella e la nipote Mariachiara ( mia modella prediletta su questo blog ), ogni volta che pranziamo insieme, abbiamo preso la consuetudine, subito dopo avere messo a posto la cucina, di sdraiarci tutte e tre nel lettone a chiacchierare, ridere e lamentarci dei nostri guai quanto ci pare. Giuseppe rimane a sonnecchiare davanti alla televisione sul divano. Non sapete come ci divertiamo.
    nell’ultima telefonata Mariachiara mi ha confermato che questa cosa le piace tanto.
    Per me è questo il volersi bene fra le diverse generazioni.

    Mi piace

  25. Molto tenera questa tua poesia, cara Mimma.la saggezza dei vecchi, il loro spiraglio di luce cercato ovunque,l’attaccamento all vita e soprattutto quel considerare l’esistenza come se i drammi della stessa arrivassero ovattati, senza la crudezza sel sentire, ne fa delle persone assolutamente adorabili, come i bambini.
    Ti abbraccio amica cara , che sai cogliere con acume e cuore i sussulti dei cuori , credo che in questo abbia  merito il tuo lavoro-missione di insegnante.Si comprendono tante sfaccettature dell’animo umano, poiche’ si sta a contatto sempre con ragazzi che cercano e chiedono.
    Ciao Usignolo.Un bacione ed un fiore da me_Nicole

    Mi piace

  26. Grazie, dolce Nicole, i vecchi mi commuovono. Sono arche preziose di esperienza e saggezza e si rendono conto che i più, intorno a loro, vogliono solo essere lasciati in pace, a godersi la vita commettendo tutti gli sbagli pensabili, se poi non intervengono alla fine è colpa loro che non hanno parlato. Esistono anche gli squilibri mentali dovuti all’età, ma molto spesso essi sono vecchi, no scemi, ed hanno bevuto calici di amarezza e di abbandono.

    Mi piace

  27. Mimma non avevo visto questo inserimento, mi commuove, la poesia proposta denota profonda sensibilità. Peccato davvero, sono rimaste queste parole belle, sincere, piene d’amore.

    Mi piace

  28. Mimma la poesia è tua, scusami ho fatto una gran confusione, comunque le parole che ho detto di Bea, restano intatte. Ciao mimma, mi sa che devo andarmente a dormire, sono un po’ stanca.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...