Squillante

 

 

 

Cespuglio di sterlizie

Lascia venire  giorno
e fotograferò le sterlizie
d’arancio e d’azzurro. Come ogni volta
nella mia vita
evento di bellezza.

Avevo i capelli neri e le fossette
quando ridevo
e ridevo sempre: cinciallegra
per nome e cognome. Così
andai crescendo, andai
ballando, andai.

 

Sterlizia al sole

 

La vispa Teresa saltò. Invece
metto giù dal letto le mie gambe
ipertrofiche
e l’anima che rotola
annusando gli odori ad occhi
stupefatti.

 

Sterlizia al sole 2

 

Mi nutro di polline
e vivo di volo, da fuoco fatuo
a stella.

Proprio ora, sì: una radice sepolta
e steli legnosi a sostenere
i fiori d’aria, che strano, d’aria
come il respiro nella mia bocca.

E vado, ancora

vado, svaporo. Il mio tutù
di veli a metà arancio
e metà azzurro da giullare
coi campanellini, eccomi
eccomi.

 

                                     Domenica Luise

                                                           (Fotografie di Domenica Luise)

Annunci

34 pensieri su “Squillante

  1. Accidenti,mimma, come sei brava.!Poesia di colori e odori primaverili ,di fanciullezza se non di infanzia, in cui lo stupore per la bellezza della vita si fa grande. Tu ami la vita immensamente e la consideri un dono, un miracolo, una grazia.
    Un dono è anche questa poesia colma di umori concreti , materici ma anche soffusamente mistici ,dono che questa sera mi offri con quel passo di danza divenuto a me tanto caro..
    Ciao, meravigliosa poetessa, dall’animo gioioso e ballerino .
    nunù

    Mi piace

  2. Le sterlizie erano il fiore prediletto dalla mia mamma. Guardate bene la forma del fiore: sembra una grossa farfalla. Questo cespuglio è fiorito nel mio giardino ed io, l’altro ieri, mi sono svegliata con l’idea di fotografarlo per la poesia scritta la sera precedente. Tutto in diretta, usando parole semplici talmente tanto che forse non è una poesia, ma un dolce fluire di pensieri. E se non è una poesia, pazienza: è venuta naturale come quando questi fiori sono sbocciati da soli ed io li ho poi trovati così belli.

    Mi piace

  3. Caspita! Se non è poesia, questa!!! È bellissima, ogni parola un’immagine, ogni immagine uno stupore, una meraviglia. Si sente pieno pieno l’amore per la vita in senso generale, dalle più piccole cose alle grandi (tra queste, tu, Mimma, bravissima “poeta” e artista anche in fotografia..) Sono felice di averti conosciuta perché mi arricchisci ogni giorno. Che bello parlare attraverso la poesia con la tua anima! Complimenti, Mimma. Ricopio questa poesia tra le mie preferite, e la sterlizia pure, che mi piace tanto, anche nel nome. Ciao, Wilma.

    Mi piace

  4. Grazie, Wilma, per le tue parole, anche perché mi era venuto il dubbio di avere scritto delle banalità elementari, ma la poesia è uscita così, semplice, me la sono trovata davanti, prepotente, voleva essere subito pubblicata e comunicata. Sapessi quant’è bello anche per me parlare con voi. Grazie.

    Mi piace

  5. “…e ridevo sempre: cinciallegra

    per nome e cognome. Così

    andai crescendo, andai

    ballando, andai.”…

    questi splendidi versi in particolare, li sento aerei, leggiadri come la tua anima-strelizia.
    Hai fotografato gli splendidi fiori della tua anima oltre a quelli del tuo giardino.
    Azzurro e giallo con sfumature arancio e lilla, ecco i tuoi versi, pennellati a immagini, vestiti di cielo.
    E quando potrà mai concludersi la danza di un’anima come la tua?
    Non c’è altro da fare che vestirsi a farfalla e seguirti tra poesie e fiori. Ecco.
    Grazie.

    Mi piace

  6. Buongiorno, Cristina, e benvenuta. Questo fiore è proprio strano, ha colori bellissimi e l’indubbia forma di un uccello o farfalla. Il cespuglio, nel mio giardino, si è ingigantito, anche le foglie a cuore sono incantevoli. Evviva la vita, sempre prorompente.

    Mi piace

  7. Come Cristina, ti seguirò di fiore in fiore, di poeisa in poesia.
    Farfalle queste sterlizie, è vero,
    sembrano in procinto di spiccare il volo.
    Grazie carissima,
    squillante armonia di colori,
    donano allergria.
    Un abbraccio
    Chiara

    Mi piace

  8. Hanno proprio indovinato a chiamarlo uccello del paradiso, quando mai s’era visto un fiore con petali di colori talmente diversi? Ma chissà quante altre meraviglie che io ignoro esistono in natura.

    Mi piace

  9. viene proprio voglia di risveglio, quello della primavera sì, ma anche di più…nelle tue poesie riesci a sposare così bene il mondo materiale apparente con altro…e qui ci vedo anche la crescita e il rinnovamento interiore, cantato leggermente senza toni cupi, appunto da dolce usignola “intonata” altrochè…
    Un abbraccio

    Mi piace

  10. Versi ricchi d’atmosfera colorata e di rinascita. I colori della sterlizia sono gioiosi e caldi, sonno un inno di pace e d’amore. Le foto e la poesia dolce connubio che danzano meravigliosamente bene. Sei un’artista completa cara Mimma.
    Un saluto affettuoso, Annamaria.

    Mi piace

  11. Poesia commovente, dell’essere e dell’anima che restano sempre bambini. Dentro tutto rrimane com’era identico e vola nel tempo senza tempo. Sono versi stupendi, talmente belli che arrivano come una lama di luce nel cuore. La tua amica e “sorella” Flavia

    Mi piace

  12. Ho letto con gratitudine le vostre parole e vi sento vicine. E’ bellissimo, siete per me un dono grande. Buona cena e buonanotte, ciao, con allegria gialla e azzurra.

    Mi piace

  13. Hai colorato all’improvviso una giornata piuttosto grigia fuori e dentro… E ti vedo, Mimmina vezzosa, con quel tutu’ volteggiare felice! Grazie, amica cara, infondi positività in tutto cio’ che fai. Sei un arcobaleno di colori!… TVB

    Mi piace

  14. Che strano questo splinder che non si aggiorna, ero passata anche ieri ma non ho visto questa nuova pubblicazione.
    Mimma è una poesia d’amore bellissima che mi ha commossa.
    Più prosegue nei versi e più scende in profondità d’anima in quell’aria che è respiro e nutrimento essenziale del nostro corpo, ma anche l’amore è nutrimento essenziale e prende forme diverse. A volte anche un fiore sa trasmetterci quella bellezza di cui abbiamo bisogno. Un fiore bellissimo, che bei doni che sono queste immagini, ti vedo con il sorriso stampato mentre fotografavi.
    L’anima rotola eppure un volo di poesia che ti arde dentro, da fuoco spento ti trasforma in stella.
    Da questo punto in poi la poesia si fa sogno e tu diventi leggerissima come quel velo di tutù
    Bellissima Mimma, anche se nella prima parte mostri cruda la tua sofferenza e fa dispiacere leggerti così, ma c’è una bellezza che sboccia anche su queste tue ferite.
    Un abbraccio, bravissima !!!

    Mi piace

  15. Va bene così, anche se la salute non è perfetta, potendo scegliere, preferirei comunque tenere fra le mani il dono della poesia, che è meglio della stessa giovinezza. E Mimma visse felice e contenta: ecco.

    Mi piace

  16. Paola, ho pensato una cosa: se splinder non si aggiorna puoi provare cliccando su ” oggi ” alla tua sinistra, sotto archivio. Aspetta qualche secondo fino a che non scompare la barretta verde alla tua destra in basso.

    Mi piace

  17. Benvenuta, cara, e sempre bentornata. Avviso in anteprima: nei prossimi giorni pubblicherò la ricetta dei carciofi alla messinese da mangiare con le mani succhiandoli a foglia a foglia, preparateli, sono buonissimi e vi fanno bene.

    Mi piace

  18. Sai Mimma che non avevo mai visto le sterlizie sulla pianta?
    Sono veramente meravigliose.
    In che stagione fioriscono?

    Una poesia molto bella e orgogliosa, come sei tu.
    La prima strofa in particolare, amata tantissimo.

    Buongiorno Mimmuccia e un abbraccio stretto.

    o.

    Mi piace

  19. Buongiorno, cara Orsola. Le sterlizie fioriscono in inverno e, man mano, io le raccolgo e le tengo nel portafiori sulla consolle dell’ingresso. Quando i petali arancioni e celesti si sciupano, li distacco delicatamente e, all’interno di quella specie di corpo a forma di uccello, ce ne sono altri, che ancora più delicatamente estraggo e accomodo fuori. Non è necessario accorciare lo stelo, che è legnoso, basta cambiare l’acqua. I fiori durano un mese tranquillamente. Nel frattempo fuori, sulla pianta, fioriscono gli altri. In questo modo per tutto l’inverno io ho le sterlizie in casa, stavolta però dopo Natale mi è venuto un mal di gola sempre pronto al peggioramento, sono uscita poco anche perché ogni volta peggioravo e così non le ho raccolte, l’altro ieri ho trovato il cespuglio carico di tutta la fiorita invernale. Mi sono limitata ad eliminare due o tre ciuffi secchi e l’ho fotografato.

    Mi piace

  20. PS: Per diventare così grande questo cespuglio ha impiegato venticinque anni almeno. In estate elimino le foglie più vecchie, in questo modo la fioritura invernale aumenta considerevolmente.

    Mi piace

  21. che belle le sterlizie!
    Non tanto quanto questa poesia che le contorna, con versi molto vivi, ben pennellati, dai colori ironici e caldi.
    Niente piangersi addosso qui: l’arancio di una tunica in versi solare e davvero in forma splendida.

    brava Mimma!

    ciao

    Mi piace

  22. Ciao, bellissime! Un abbraccio a tutte. Che la poesia vi dia vita e gioia sempre. Non la scambierei con le ricchezze del mondo, giovinezza e salute. Che dire di più? Ho quello che amo.

    Mi piace

  23. Grazie, Elia, per la tua presenza nel mio blogghino. Oggi il tempo è cattivissimo, ho paura che salti la connessione, ma almeno non piove. Un felice pomeriggio a tutti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...