Preghiera oscura e nostra

 

 

Le tre violiniste 

Sì: nei silenzi
lucenti della fede notturna
c’è la tua infinità
che mi sorride. Chi sei.
Chi sono. Chi siamo.

Qual è
il tuo volto?

La storia umana di scogli bagnati
su radici senza colori, dove

inatteso
cresce un filo d’erba
vivo in tempeste. Perché?

Uomo Dio
in croce aggrovigliato

noi ti guardiamo
e ci riconosciamo
tua fotocopia di sale
e di crosta.

Scusa
questo balbettio

di figli piccoli
che chiamano mamma.


Siamo i dolorosi
ciechi
e muti, i gocciolanti
gli assetati di gioia ignota
coloro che respirano buio. Il violino della poesia
stride sotto l’archetto della nostra preghiera.

Un sì
nuziale.

 

Domenica Luise

(Acquerello di Domenica Luise)

                                                                                                  

22 pensieri su “Preghiera oscura e nostra

  1. Bellissima preghiera in versi, piena di fede. L’esempio di Gesù in croce è sempre da ricordare per comprendere le vicissitudini umane: per attendere le gioie bisogna passare dalla sofferenza, morire per poi rinascere.
    Toccante questa preghiera, veramente profonda e intrisa d’amore.
    E’ un piacere leggerti, cara Mimma.
    Un bacio pomeridiano.
    Annamaria

    "Mi piace"

  2. Mimma…io ho smesso di pregare…
    ma la tua poesia è più di una preghiera… è voce , richiamo a ciò che forse spesso… ancora ci sfugge…
    Ti abbraccio!!!!!!!!!!!!!!!!!

    "Mi piace"

  3. Scusa
    questo balbettio
    di figli piccoli
    che chiamano mamma.

    Bellissima preghiera, per me che sono
    ancora così piccola nella mia fede.

    Come sempre brava ed intensa, carissima.

    Bellissimo il quadro!

    P.S. Vedo che il raffreddore, per certi versi, ti ha fatto bene, visto quello che produci.

    Ti abbraccio!

    "Mi piace"

  4. Cara Mimma conosci il mio pensiero e il mio sentire, ma il rispetto per la tua fede è profondo; una fede sempre viva che si pone domande e si dà risposte
    “dove

    inatteso

    cresce un filo d’erba

    vivo in tempeste. Perché?”

    Leggo questa tua poesia come una preghiera semplice nelle parole e complessa nelle sfaccettature del sentimento che esprime
    “Siamo i dolorosi,

    ciechi

    e muti,

    i gocciolanti,

    gli assetati di gioia ignota”

    Molto intensa

    franca

    "Mi piace"

  5. dovrei riportarla tutta perchè non c’è un verso che non mi piaccia, perchè mai tanta verità dolente e fremente ho letto in parole di poesia.
    “Siamo i dolorosi,

    ciechi

    e muti,

    i gocciolanti,

    gli assetati di gioia ignota,

    coloro che respirano buio. Il violino della poesia

    stride sotto l’archetto della nostra preghiera.!

    ma questi che ho riportato, sono la summa di una preghiera che vede la creatura sempre più smarrita e assetata di luce, speranzosa di pace…
    e c’è anche una dignitosa rassegnazione al silenzio di una risposta agognata malgrado l’incommensurabilità della sua portata.

    forse in quel sentirsi orfani di un abbraccio rivelatore c’è un rivendicare sommesso il proprio essere figli…
    nell’attesa che la vita si compia.
    grazie per tanta bellezza.
    anche dell’immagine, dai tocchi diafani attraversati da sottile sensualità.

    "Mi piace"

  6. Ragazze, che commentoni! Mi sento davvero privilegiata ad avervi incontrate. Non mi turba affatto il vostro pensiero di fede o non fede in questo o quel Dio o dio: l’amore è uno e qui lo stiamo scambiando vivamente in una stima vicendevole sconfinata.
    Del resto S. Paolo lo scrive a chiare lettere: se avessi una fede da spostare le montagne, senza l’amore sono nulla.
    Cito a memoria come posso.
    Le ragazze dell’acquerello sono nude perché rappresentano sfaccettature della mia anima nuda, cara Cristina, e se vi spira una sottile sensualità è cosa buona, sana e positiva.
    Siamo fatti di anima e di carne e nulla c’è che non sia bello.
    Da questo a usare malamente il proprio corpo corre un abisso.

    "Mi piace"

  7. Bellissimi, Mimmina, i versi e l’acquerello! Avevo bisogno di pregare… E la tua è una preghiera intensa, consapevole, a tratti malinconica, per questo straordinaria. Ti abbraccio forte forte.

    "Mi piace"

  8. Siamo i dolorosi,

    ciechi

    e muti,

    i gocciolanti,

    gli assetati di gioia ignota,

    coloro che respirano buio. Il violino della poesia

    stride sotto l’archetto della nostra preghiera.

    Un sì

    nuziale.

    Che bella ! Ne ho ripreso una parte, l’ultima, quella del sì nuziale, in cui si accetta con amore anche il dolore che accompagna costantemente l’esistenza. Un sì di fede bellissimo.
    Molto molto bella questa poesia, anzi questa preghiera d’amore

    "Mi piace"

  9. Ehi, mie care, quanto siete belle! Non vi sento mai assenti, nemmeno quando non mi commentate esplicitamente. Ognuno fa quello che può e che si sente, siete tutti liberi, certo una parola di partecipazione mi dà gioia, questo bisogna comunque dirlo. Va bene, un abbraccio mimmiano e vivete felici.

    "Mi piace"

  10. Sì,Mimma,tu credi e preghi e sai pregare. La poesia oggi per te è preghiera…e forse lo è sempre ;è amore e lo dici in quella stupenda chiusa…è…

    Un sì

    nuziale.

    nunù

    "Mi piace"

  11. passo per un saluto, lo sai che di preghiere non ne sono capace, e allora guardo i tuoi colori e prendo in prestito il tuo pennello per colorarmi un po’,,ciao cricri
    la porti ancora la mia collana?
    baci

    "Mi piace"

  12. Questa preghiera in poesia è una delle più belle che abbia letto, è di un’intensità incredibile, (vorrei averla scritta io, ma non ne sarei mai capace…) E si sente che nasce dal profondo. Grazie, Wilma.

    "Mi piace"

  13. Come siete care non solo a venirmi a trovare, ma anche a lasciarmi una parola affettuosa. Io credo che chi dà amore stia simultaneamente pregando e poetando a suo modo. C’è tanta luce che non conosciamo e ci abbaglia. Certo, Cri cri, che porto la tua collana, anzi sono due, una l’ho regalata e due me le sono tenute. Ecco.
    Perché io sono affezionata a me stessa e mi piace coccolarmi un po’.
    Voglio ringraziare qui le persone che mi commentano sempre, lo sapete che non lo pretendo anche se ci gongolo.

    "Mi piace"

  14. una poesia bellissima e siccome tu l’hai scritta, e l’hai scritta ispirata
    allora la faccio mia. ne ho bisogno.
    e Mimma lasciati dire che questi versi sono fra i più belli che io abbia mai sentiti in una preghiera;

    Scusa
    questo balbettio
    di figli piccoli
    che chiamano mamma.

    ciao. sei una meraviglia

    "Mi piace"

  15. Grazie, dolce Fantasmina, con Dio ci possiamo lamentare e chiamarlo con tutti i nomi amorosi esistenti, egli non si stanca di noi, sa quanta fragilità ci benda come tante mummie che non possono ballare. Riprenderemo vita e poesia.

    "Mi piace"

  16. Cara Francesca, sono subito passata nel tuo blog a ricambiarti la visita e la tua poesia mi è molto piaciuta per semplicità e pregnanza. Auguri di dare il tuo dono poetico con gioia e soddisfazione.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...