Brindisi

  Convivio 5

 

I pensieri che si sfaldano
in effetti speciali
d’acqua, d’aria e di sole. Applausi
per gioco.

 

Bevo la gioia e il dolore che mi bevono
e trascoloro.  Cin cin
alla vita che batte
sotto le palpebre: amore,
amore, amore.

La bambina
nasconde i segreti
nella membrana del melograno
che giganteggia in giardino. Mi abbandono,
chi canta
questa ninna nanna in sordina?

 

C’è l’usignola
su un frutto che dondola. Vengono
strane radici
nella mente dove i pensieri
muovono ali impreviste.

Il succo
è pronto, l’inchiostro
sui biglietti amorosi, mie reliquie.  

 

 

                              Domenica Luise o Mimma

(Fotomontaggio di Cristina Bove, al quale Mimma , avutone il consenso,ha aggiunto altre amiche affacciate e gli animaletti Argo e Noah,i cani di Cristina, insieme con la gattina Coccola e Cristina, le micie di Mimma)

 

 

Una ragazza molto furba


Una ragazza molto furba

 

La professoressa Maria Luisa aguzza gli occhi da dietro le spesse lenti e guarda il treno come una triglia che boccheggi fuori dall’acqua. Sorrido perché già so che spera di vedere me e mi spenzolo fuori dal finestrino gridando festosamente:

< Eccomi, sono qui >.

Lei sale sollevata trascinandosi dietro i suoi quarant’anni evidenti, il sonno arretrato e la pelliccia di montone. Trasecolo ammirando l’orribile borsa grigia  di nappa che si è dipinta da sola in bianco, rosso e nero e una miriade di triangoli, cerchi e palline intersecantisi. < Si intitola “ soggetto geometrico “ dice la professoressa orgogliosa. Mi faccio consegnare l’orrore, che contemplo estasiata.

< Ma lo sai > oso sussurrare in tono soffocato, < che se tu volessi vendere una cosa di queste troveresti cento donne disposte a fare a pugni ? >.

Il mio atteggiamento deve colpire molto un’anziana tricheca dal mento peloso e le dita rigurgitanti di anelli. Salendo l’ho presa di mira e sarà la mia prossima cliente.

La professoressa, ormai, non mi pone più problemi. Me la sto lavorando da almeno venti giorni a base di regalini, biscotti al cioccolato, gridolini di ammirazione per tutto ciò che lei dice e fa: i suoi tre micetti, il suo vecchio zio, la sua vecchia mamma, la sua età che, le giuro, non dimostra per nulla, dieci anni di meno, e poi sei così giovane, ti vesti così bene.

< Mi permette ? > chiede l’anziana tricheca prendendomi di mano l’orrore. Vedo passare sul viso della professoressa il lampo di giusto orgoglio.  Oggi è più spettinata del solito.

  < Nel pomeriggio vado a fare una messa in piega a una mia amica, dopo posso venire a trovarti? > le chiedo educatamente. Io le mie clienti paganti e strapaganti le chiamo tutte amiche, le tratto da giovinette ventenni come me, do loro il soffio della giovinezza. Tutte mi vogliono bene e non possono fare più a meno di me neanche quando incominciano, almeno le più intelligenti, a dubitare della mia buona fede. Allora è il momento di mollarle dopo averle spolpate.  Le migliori sono le nubili, quelle vedove e comunque il più possibile senza una famiglia che le possa difendere o aprire loro gli occhi. Età prediletta: quaranta, il canto del cigno, il tramonto ardente, il meglio della carriera, dello stipendio e dei soldi da parte.

Questa tricheca, tuttavia, deve essere ben oltre. Fede non ne ha. Mi aggiusto distrattamente la coda di cavallo asimmetrica e faccio girare, senza parere, il brillante sintetico grosso come un pisello che adorna il mio anulare sinistro.

La professoressa cade subito nella rete: < Anch’io dovrei mettermi a posto questa criniera invadente >, sorride. Due solchi spietati le si accentuano agli angoli delle labbra.

< Se vuoi ci penso io, mi prendo poco > rispondo. Che non supponga di essere servita gratis fino a casa. E’ ovvio che debbo prepararla al momento in cui, con aria generosa, dopo avere consumato la “ sua “ corrente elettrica, i suoi capelli, il suo tempo e il suo caffé coi dolcini, le sussurrerò : < Cinquanta euro >.

< A che ora puoi venire? >.

< Alle diciassette >.

< D’accordo >.

La tricheca, intanto, dopo avere attentamente palpato la borsa, dice:

< Complimenti, signorina. Io dipingo e sono cosciente che il suo lavoro vale ed è ben fatto. Molto originale >.

La professoressa Maria Luisa è scarlatta e un poco mi fa pena. Soffoco subito la commozione, che nel mio lavoro non mi posso permettere.

< Lei dipinge? > intervengo con vocina flautata, < io conosco un ragazzo pittore bravissimo. Gli ho piazzato molti quadri >.

La tricheca si aderge: < Ho qui delle foto di alcuni miei lavorucci > afferma. E tira fuori un piccolo album che sfoglio soffocando gli sbadigli. Il mio è un lavoro noioso, anche se rende dei bei soldoni non soggetti ad alcuna tassazione.

I quadri, a guardarli bene, mi piacciono. Per davvero. Le foto sono scadenti, ma anche così si notano certi colori sognanti e un movimento perpetuo dei soggetti. Le tele sembrano vibrare.

< Lei ha un’anima di farfalla > dico. La tricheca si fa gli occhi tondi, pare quasi che stia per piangere.

< Le piacciono? Davvero? >.

Forse sarà effetto del mio brillante sintetico se tutti mi trattano con tanta deferenza o dei vestiti firmati, sempre uno diverso ogni giorno, che porto sul treno, bene attenta a non sgualcirli perché dopo io e la mia amica Monica ce li dobbiamo vendere comunque.

La tricheca ha indosso un abito a quadretti minuti viola e blu, la stoffa è buona.

Sarà un’ottima cliente per i fondi di magazzino dalla taglia cinquantasei in poi.

< Sa a cosa mi fa pensare il suo vestito? Io ho un’amica che gestisce una boutique e mi fa sempre lo sconto >, mi stiro, con una mano, sui fianchi la deliziosa gonna jeans tutta adorna di paillettes e il maglioncino di cotone in tinta, il treno, con un botto, si ferma: < ne ho visto uno simile tra gli ultimi arrivi. Ce ne sono molti, bellissimi, della sua taglia >.

La pittrice tricheca mi guarda senza sospetto. E’ tutta mia.

< E dov’è questa boutique? Sa, mi servirebbe una giacca buona, di seta nera >.

In realtà, fra i rimasugli, ne abbiamo una verde bandiera, di acetato.

< Perché nera ? > chiedo a occhi sgranati, < io penso che coi capelli biondi il verde le starebbe benissimo >.

< Sì, è vero > risponde lei. O inerme! Per un attimo avevo temuto che il mio fluido non funzionasse e potesse resistermi.

E che i capelli fossero biondi o neri o rossi sarebbe stato uguale. Io dico che è una specie di ipnotismo.

Anche la professoressa ammira le foto dei quadri, si vede che è sincera e per niente gelosa:

< Il suo sentimento del colore è migliore del mio > afferma candidamente. O sciocca. Ma sarò furba solo io al mondo?

La tricheca mi dà indirizzo e numero di telefono. Prometto che avrà anche lei uno sconto, certamente: il prezzo base della giacca più duecento euro, cento a Monica e cento a me.

 

E’ un’invernata estremamente mite,  che mi ricorda altri momenti, quando ero viva. Una grassa fanciulla felice e innamorata.

Da tutto il pomeriggio non ho voglia di fare nulla. Provo un malessere nell’anima e il bisogno di rimuginare. Non mi va di telefonare a Monica per raccontarle della tricheca e della borsa orrenda che aveva oggi la professoressa. Chissà che animali siamo io e Monica. Due volpi. Due lonze di dantesca memoria.

E prima, quando ti amavo buffamente e ti facevo capire aperta la mia anima, che animale ero?

Ricordi come ridesti di me coi compagni di scuola?

Digiunai e dimagrii. Conobbi l’altra me stessa, capace di piegare gli altri con la propria personalità, la cultura appresa al liceo classico e la parola sciolta. La prima in italiano, superiore perfino alla Bellotti Giovanna, che poi bella non era per niente. Costruiva i suoi temi come giochi a incastri e il professore non poteva tenersi dal fare le comparazioni tra me e lei: < Più spontanea e naturale, direi smagliante >, si lanciava in una buffa critica estetica che mi riguardava, < c’è il taglio giornalistico. Bellotti, tu vuoi strafare. Sette a Bellotti, otto a Marisona >.

Detestavo essere chiamata Marisona. Seguiva sempre uno strascico di commenti, restavo lì inerme, tra le risate, l’invidia dei compagni e quel mio amore pazzo per lui. Buon gusto ne avevo, e come.

Nessuno, mai più, riderà di me. Nessuno mi chiamerà ancora Marisona.

Schiaccio la sigaretta nel portacenere. Sto aspettando che si facciano le cinque per andare dalla professoressa, mi piace imbrogliare gli altri, mi diverto, è la mia rivincita. Lui, allora, non mi ha voluta. Nemmeno da magra. Anche identificare gli uomini con animali è un discreto sport, che tiene all’erta le mie meningi. Non mi posso permettere sbagli, voglio una vita piena, quando sarò bella e ricca gli uomini dovranno fare a pugni per me. Voglio diventare una signora.

Ho affumicato tutta la camera, chissà cosa dirà mia madre. Apro la finestra, in fondo, potrei fare a meno in qualunque momento della sigaretta. Anche questa potrebbe essere una gara con me stessa. E va bene, deciso: da ora non fumo più. Fa male ai polmoni, alla pelle, accorcia la vita ed io, invece, voglio una felicità grande grande … allargo le braccia verso il cielo e sento una vertigine, per un attimo m’è parso di cadere giù dal sesto piano. Rabbrividisco. Mio padre e la mamma non sanno niente di tutti i miei guadagni extra. Quello che mi schifa di più è di strappare i peli superflui dalle gambe delle “ amiche “ urlanti, ma docilissime. < Stringi i denti > dico, e via. < Con questo servizietto stai in pace più di venti giorni > bado a rassicurarle. Dopo, la catarsi: pulizia della pelle e trucco. Cento euro. Pagano sollevate di vedermi andar via, ma tutte mi chiedono: < Quando ci rivedremo ? >.

Dovevo arrivare a venticinque anni per capire cosa ci vuole con gli uomini: soldi e sesso. Ma io non ero così, avevo tanta vita. Dov’è tutta quella vita in cui credevo?

I miei sono due poveracci e abbiamo una casa che sembriamo baraccati. Tento invano di buttare gli oggetti vecchi che a loro sembrano indispensabili, i cari ricordi e i piatti sbeccati. Mi vergogno dei pavimenti consunti e dei muri scrostati, delle scatole di cartone sull’armadio dove la mamma tiene i vestiti vecchi di cui non si vuole privare.  Un uomo che venisse qui mi riderebbe di nuovo in faccia.

Così debbo cavarmela da sola cercando le clienti sul treno. Anche il marito ho trovato. Non sento niente per lui: alto, bruno, spento dalla testa ai piedi, sgraziato come un ragno e col naso spezzato perché prima faceva pugilato, < E’ stato il mio amico Dino > dice mitemente.

Figurarsi se, così come sto oggi pomeriggio, ho voglia di telefonargli. Lo farei felice. Quasi quasi… No, deve soffrire anche lui. Soldi e sesso. Gli consegno una metà dei miei guadagni da mettere sul libretto che abbiamo in comune per quando ci sposeremo, < Da dove pigli tutti questi soldi > fa il ragno sospettoso ed io, appiccicandomi senza parere, soldi e sesso… quella  è la regola vincente, devo stare ai patti, bene, io mi diverto a raccontargli proprio tutto di quello che faccio sul treno e come scrocco le vecchiarde quarantenni, ma gli taccio che mi fanno quella confusa tenerezza, soldi e sesso, così si tiene un uomo al guinzaglio e Paolo è meglio di niente, col suo non bene avviato negozietto di  ferramenta all’angolo di un non grande paese sulla linea ferroviaria dove mi aggiro, quando entro io aumentano i clienti  misteriosamente.

Rido divertita dal suo silenzio. Non è che col sesso facciamo nulla, in verità, ma in questo campo non è tanto il fare quanto l’intrigare. Meno si dà una donna e più acquista, ma deve sapersi negare. I soldi glieli do facendogli credere che sia tutto lì, non si sa mai, in quanto al mio corpo gioco a rimpiattino, come lo vedo nelle smanie prontamente io mi ritiro, nulla di meglio perché infine mi sposi. Sesso, quindi, si fa per dire, soldi sì.

Ritocco il telefono. Lo chiamo? Lo faccio felice? L’ultima volta abbiamo quasi litigato, mi ha detto che voglio fare troppo la furba.  Non sa ancora niente delle mie dolcezze. Gliela do una dolcezza? Accarezzo l’apparecchio telefonico,  strano gesto impulsivo, non determinato dalla logica. Non debbo permettermi errori o non uscirò da questa casa miserabile, al sesto piano, senza ascensore, con un bagno piccolo che nemmeno ci stai e le scatole di cartone sull’armadio, la madre che fa la domestica a ore  su e giù per le scale e il padre in pensione seduto fisso davanti alla televisione e i piatti dove mangi sempre sbeccati.

 

La professoressa rimane male, ma mi dà subito i cinquanta euro della messa in piega. Sembra raffreddata e si asciuga gli occhi spesso, infine si decide a confidarsi: < E’ venuta una mia comare con la figlia che ho cresimato, dice che la ragazza si deve sposare e se mi ricorderò di lei nel testamento, tanto io non ho né marito né figli >.

< Scusami, ma mi sembra un po’ prestino > rispondo fredda fredda accomodandole un ricciolo,

< tu sorpasserai i cent’anni e camperai più di loro due messe assieme >.

Siamo sulla soglia di casa, ho già intascato i soldi e sembra che quel biglietto di banca pesi dieci chili nella mia bella borsa di pitone blu finto.

< Non mi sento bene, Marisina > dice allora la professoressa. E’ quel “ Marisina “  o il modo in cui lo pronuncia , non so, ma lì sulla soglia, anzi già fuori, mi sento salire dal di dentro un urlo di pianto, sono abituata a trattenermi, non devo lasciarmi commuovere, , lei è lì, con la messa in piega da cinquanta euro, mi ha preparato la cassata siciliana alla ricotta, che è buonissima e ci vuole un sacco di tempo e me ne ha regalato un bel pezzo da portare a mamma e papà  ed io, ladra, ladra, ho quei soldi che pesano non più dieci, ma venti chili nella borsa, e la professoressa non si sente neanche bene e ho sbagliato tutto. Per non farmi vedere da lei fuggo per le scale che quasi ruzzolo a testa in giù.

 

“ Domani l’incontrerò “ penso aggirandomi convulsamente nella cucina e urtando tra sedie e frigorifero troppo vicini, “ le dirò: < Come stai? > e non l’imbroglierò più, non imbroglierò più nessuno. Forse sono ancora a tempo a salvarmi, lavorerò onestamente. Farò anch’io i servizi come la mamma o venderò i cerotti di casa in casa o qualunque cosa, ma non voglio, non devo, non posso più ferire a morte le professoresse di quarant’anni, specialmente quelle senza marito né figli, che cercano un sorriso sincero e sono inermi come bambine e tutti ne approfittano.

Sospiro forte più volte come se mi liberassi l’anima, sono sola in casa e mi posso sfogare. Mamma sta tenendo i bambini alla signora del palazzo a fianco, papà gioca a carte a casa di un suo amico, fisso senza vederle le brutte stampe macchiate in un angolo appese sul buffet e controbuffet anni quaranta.

Conosco e odio ogni linea di quelle macchie. Il telefono squilla ed ho un trasalimento.

< Marisa, pronto, sei tu? >.

E neanche quando c’era poco da mangiare ho tirato fuori dal nascondiglio i miei soldi guadagnati con l’inganno andando su e giù col treno.

< Pronto? Pronto? > è la voce del marito che volevo accalappiare.

< Sì, sono io, Paolo, pronto ? >.

< Ma che hai > dice lui, < stai male? >.

Allora mi confesso nel telefono e dico a Paolo tutto ciò che egli mai dovrebbe sapere, dei piatti sbeccati e di queste tre stanzette stipate di pacchi legati con lo spago, di come fosse annacquato il minestrone oggi e della mia amica Monica, che mi presta gli abiti e le borse perché poi io glieli faccio vendere a prezzo maggiorato, ma soprattutto della professoressa, che hanno umiliata ingiustamente,  o meglio non umiliata: colpita a morte.

< E sai > aggiungo sperduta dal suo silenzio, < lei si sentiva male. Davvero. Aveva le borse sotto gli occhi >.

Smetto di parlare: ecco, adesso non mi vorrà più, non sono la donna sesso-soldi, non ho mistero né fascino né niente.

Ed io non sopporto che egli non mi voglia più. Mi sento tutta la faccia bagnata.

< Paolo ? > dico.

< Io ti amo > risponde lui.

 

Domenica Luise o Mimma


(Disegno di Domenica Luise: pennarelli)

 

 

Il cuore di Mimma

Gabbiani

 

Ha imparato un canto
che gli piace
e si stupisce di partorire
tanta vita in poesia. Ballerino vagabondo
esce per andare sui prati
ed attraversa il ponte
all’infinito, batte
con forza
e senza paura. Si appisola
stanco dei troppi giochi
ed indolenzito per avere assaggiato
una mandorla amara. Sogna
e ricorda, inventa e spera
illudendosi ancora. Trasuda
dai rattoppi maldestri. Dipinge
e scrive se stesso
in testamento allegro.

E’ un gabbiano
che non vola da solo.

 

                                               Domenica Luise o Mimma

                                                        (Acquerello di Domenica Luise)

 

 

 

 

 

Per Mimma da Gloria

Ciao Mimma, sentivi la mia mancanza eh?
Grazie dei tuoi commenti ai miei post, tanto diversi dai tuoi ma animati dallo stesso Amore.
Sei bellissima e bravissima, ma la cosa più importante è che sei un Essere di Luce e Amore e
doni i tuoi "doni" a tutti col cuore.

Buona domenica!

gloria

Res a balzelloni pindarici

Kalì e Leopoldo



Ehi, che fai? Io raccolgo farfalle e bellezza
dove la terra diventa ali
e sole accumulato. Non mi piace
il tutto marrone.  E’ nato Leopoldo
fra le zampe di mamma gatta si ubriaca di latte
e manda vagiti arancioni a strisce.

Ho riempito un cassetto
di medaglie di cartone al valore
meritate qui o lì
dove ho trovato un furbo. Il mondo
ne è saturo, ora
basta.

La vera Mimma
non è nell’anca usurata.

Questi caproni incartapecoriti col dito puntato
non mi avranno nel gregge,
scriviamo una poesia, ecco. Sempre
che questa cosa o res lo sia.

E se non lo è non me ne importa
nulla.

Ah, ah, ah. Sto in pensione statale
di prof. laureata abilitata sudata sulla cattedra,
la pressione sale e la caldaia gocciola,
il tecnico ha detto che ci vuole un pezzo
ed è scomparso per il fine settimana,
se ne riparla lunedì,
forse. Intanto
la mia pressione scende e barcollo,
l’umidità della primavera ha massacrato
ciò che l’artrosi fa nelle mie ossa,
dopo, lunedì speriamo, pagherò il tecnico
se viene e aggiusta. Il tempo è migliorato.

Solo a Dio direttamente è consentito
avere i miei belati, con lui
sono timida tenera amata amante
innocente peccatrice debole
e quant’altro di segreto non dirò
mai. E’ vero
che in poesia cedo un poco
perché vi voglio bene, ma basta approfittarsene,
cattolica sì, cretina no. Ecco.

 

                                         Se il marrone gioca con gli altri colori

                                       diventa bello anche lui. Combustibile

Kalì e Leopoldo 2alla strana fiamma. Leopoldo

è cresciuto di peso. Le mie ali

abbandonano squame dove il sole

imprigiona gli arcobaleni.

 

Che i vermi continuino a strisciare
non mi impressiona, li trovo carini.

Almeno io muoio ridendo,
non è poco. Sono
un’usignola matta, meglio che triste.

Ormai la res è finita: devo cucinare
se voglio mangiare anche oggi.

                                                                        (continua)

 

                                        Domenica Luise o Mimma

 

(Kalì è la gattina di Iole, che all'inizio della primavera scorsa ha generato questo bimbo con parto podalico ed estremamente rischioso, estratto e salvato in extremis dalla sorella, momentaneamente nelle vesti di levatrice. Tutta la famiglia è orgogliosa di tanto prodotto peloso a colori, adesso è un micione più grosso della sua mamma, come dimostrato da quest'ultima fotografia).

 

Kalì e Leopoldo 3

( Fotografie di Domenica Luise )

 

 

 

 

Pardon, quasi

 

Ala

Moglie  esemplare…pardon
non ero sposata. Madre perfetta
pardon, non ero nemmeno madre. Nacqui a, questo
è giusto: nacqui
e vissi pure. Poetessa storta, ma
è un dettaglio. Amante
della famiglia, educata
e rispettosa o quasi, pittrice,
anche questo è un trascurabilissimo particolare
e prof. di lettere per schiere osannanti
o quasi.

Cosa ci scriveranno?

Donna di fede, suora no
pardon. Dopo lunga sofferenza (si sa, la vita)
adesso riposa in eterno, e certo

non mi posso muovere né scherzarci su e zitta pure
uffa.

Metteteci che volai libera
da tutti i denti cariati

interni ed esterni.

Non si usa?

Allora lasciate il foglio bianco al marmo
e nessuno se ne accorgerà.

Un intervallo fra due date.

Pardon. Mi ritiro.

Inchino. Io saprei cosa fui:
amore quasi sempre muto
e quasi sempre senza risposta.


Domenica Luise o Mimma

(Quadro a olio di Domenica Luise, 70 per 50)